Complicanze varie/eventuali

Dormire male + diabete di tipo 2 = Guarigione delle ferite più lenta

Esempio di inteferenza col riposo

Le persone con diabete di tipo 2 che non dormono bene potrebbero aver bisogno di più tempo per la guarigione delle loro ferite, secondo un nuovo studio pubblicato dai ricercatori dell’Università del Tennessee, Knoxville.

La ricerca, apparso online sulla rivista SLEEP  l’11 agosto, ha rilevato che i topi sovrappeso con diabete di tipo 2 e sonno interrotto avevano bisogno di più tempo per far guarire le ferite della pelle rispetto ai topi che avevano anche interrotto il sonno ma non avevano il diabete di tipo 2. Questi risultati confermano che il sonno svolge un ruolo particolarmente importante nella guarigione delle ferite tra i topi obesi con diabete di tipo 2.

Per l’esperimento, gli scienziati hanno usato topi obesi con caratteristiche del diabete di tipo 2 e li hanno confrontati con topi sani di peso normale. Mentre venivano profondamente anestetizzati, entrambi i gruppi di topi hanno ricevuto una piccola ferita chirurgica sulla pelle della schiena. Gli scienziati hanno analizzato il tempo necessario alla guarigione della ferita in due scenari: un normale programma di sonno e un sonno interrotto ripetutamente.

Il risultato: i topi diabetici con sonno frammentato avevano bisogno di circa 13 giorni per le loro ferite onde ottenere il 50 percento di guarigione. Al contrario, anche con interruzioni del sonno, le ferite dei topi sani di peso normale hanno raggiunto lo stesso traguardo in circa cinque giorni.

Ralph Lydic, Robert H. Cole Professore di Neuroscienze, è co-autore del lavoro con un team multidisciplinare di ricercatori presso la UT Knoxville e la Scuola di specializzazione in medicina dell’UT. John Mark McLain.

Uno su tre americani adulti soffre di prediabete, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Gli individui con prediabete sono a maggior rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 ad un certo punto della loro vita.

Nelle persone con diabete di tipo 2, alti livelli di glucosio portano a una cattiva circolazione sanguigna e danni ai nervi, rendendo il corpo più vulnerabile alle infezioni, soprattutto dopo l’intervento chirurgico. I disturbi del sonno possono anche indebolire il sistema immunitario e rallentare la guarigione.

Trattare le ferite nei pazienti diabetici non è solo una sfida a livello clinico, ma può anche costare caro. Solo negli Stati Uniti, il costo del trattamento delle ferite non guarite è stimato in $ 50 miliardi l’anno.

“Questo è un problema di salute pubblica e vogliamo contribuire a una soluzione”, ha detto Lydic.

I disturbi del sonno e il diabete di tipo 2 sono intimamente connessi; è stato ampiamente documentato che la mancanza di sonno può creare cambiamenti metabolici come quelli osservati in pazienti con insulino-resistenza. Lydic ha intenzione di continuare la ricerca su questo argomento. “Successivamente vogliamo esplorare l’effetto che specifici farmaci hanno sulla guarigione delle ferite in questi stessi gruppi di topi con sonno interrotto”.