Compliance

Dall’accondiscendenza all’abbraccio: valutazione della prontezza all’impiego dei dispositivi per il diabete

I dispositivi per il diabete come le pompe per insulina e il monitoraggio continuo del glucosio (CGM) sono associati a un miglioramento della salute e della qualità della vita negli adulti con diabete di tipo 1 (T1D). Tuttavia, l’assorbimento rimane basso. Lo scopo di questo studio condotto dal Dipartimento di Pediatria, Scuola di Medicina dell’Università di Stanford, Palo Alto, CA e Division of Research, Kaiser Permanente Northern California, Oakland, CA, USA era di sviluppare diversi “personaggi” adulti con T1D in relazione alla disponibilità ad adottare una nuova tecnologia per il diabete.

Sostienici con un acquisto o donazione

I partecipanti erano 1498 partecipanti al programma USA T1D EXCHANGE che hanno completato sondaggi sulle barriere di assorbimento, attitudini tecnologiche e altre variabili psicosociali. I dati di HbA1c erano disponibili da T1D Exchange per il 30% del campione. K-significa che le analisi a grappolo raggruppavano il campione in base alle barriere e agli atteggiamenti del dispositivo. Gli autori hanno assegnato etichette descrittive in base alle caratteristiche del cluster. ANOVA e test del chi-quadro hanno valutato le differenze di gruppo per variabili demografiche e psicosociali (ad esempio, durata del diabete, disagio al diabete).

Le analisi hanno prodotto cinque personalità distinte. Il d-Embracer (disponibile ad abbracciare la tecnologia) (54% dei partecipanti) ha accettato alcune delle difficoltà all’utilizzo dei dispositivi ed ha avuto i più alti tassi di utilizzo dei dispositivi, il più basso HbA1c, ed è stato il meno preoccupato. I Free Rangers (23%) avevano le attitudini tecnologiche più negative. I dati minimalisti (10%) utilizzavano le pompe ma avevano un CGM inferiore e non volevano più informazioni sul diabete. I The Wary Wearers – gli accondiscendenti (11%) avevano un uso complessivo inferiore del dispositivo, erano più giovani, più angosciati, sostenevano molte difficoltà e avevano un HbA1c più alta. I membri del gruppo ad alta sofferenza (3%) erano i più giovani, avevano la durata del diabete più breve, presentavano il maggior numero di ostacoli ed erano i più angosciati.

Queste persone clinicamente significative nella prontezza all’uso del dispositivo possono informare con interventi mirati alle barriere e difficoltà nonché alle esigenze psicosociali di coloro che sono in difficoltà, per aumentare l’assorbimento del dispositivo.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Diabetes Science and Technology del 22 agosto 2018.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione