Ricerca

Lo zucchero naturale difende dalla sindrome metabolica, nei topi

Una nuova ricerca, nei topi, indica che uno zucchero naturale chiamato trealosio blocca il glucosio dal fegato e attiva un gene che aumenta la sensibilità all’insulina, riducendo la possibilità di sviluppare il diabete tipo 2. L’attivazione del gene innesca anche un aumento delle calorie bruciate, riduce l’accumulo di grasso e l’aumento di peso e riduce le misure di grassi e colesterolo nel sangue.

I risultati, dai ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis, suggeriscono nuove possibilità per il trattamento della sindrome metabolica, un gruppo di condizioni correlate che include obesità, diabete tipo 2 e malattia del fegato grasso.

Lo studio è stato pubblicato il 23 agosto in JCI Insight.

Mentre il potenziale uso medicinale del trealosio richiede ancora un considerevole lavoro per la ricerca, i ricercatori hanno scoperto che somministrare toposidi di topi attraverso l’acqua potabile ha prodotto effetti benefici sul metabolismo epatico degli animali, simile a quelli derivanti dal digiuno. Nei topi a digiuno, il fegato accende anche lo stesso gene che migliora la capacità del corpo di usare l’insulina.

“Abbiamo appreso che questo gene, Aloxe3, migliora la sensibilità all’insulina nello stesso modo in cui lo fanno i comuni farmaci per il diabete, chiamati tiazolidinedioni”, ha dichiarato Brian DeBosch, MD, Ph.D., assistente professore di pediatria. “E abbiamo dimostrato che l’attivazione di Aloxe3 nel fegato è innescata sia dal trealosio sia dal digiuno, forse per lo stesso motivo: privare il fegato di glucosio.

Tuttavia, afferma DeBosch, il trealosio può incontrare enzimi nel tratto digestivo che lo spezzano, rilasciando le sue due molecole di glucosio, che sarebbero controproducenti. I ricercatori hanno studiato un simil zucchero il lattotrefalosio: e scoperto che hanno gli stessi effetti benefici che scatenano l’Aloxe3 ma non si rompono facilmente.

Categorie:Ricerca

Con tag:,