Mangiare

Pazienti con ipertensione arteriosa difficilmente riducono il sale

Più farmaci necessari per trattare l’ipertensione a causa dell’aumento dell’apporto di sale.

Monaco, Germania: i pazienti con ipertensione si affidano esclusivamente ai farmaci per ridurre il rischio di infarto, ictus e insufficienza cardiaca, piuttosto che ridurre l’assunzione di sale secondo le istruzioni dei loro medici, lo evidenzia una ricerca presentata oggi al Congresso ESC 2018, l’incontro annuale della Società Europea di Cardiologia.

La mancanza di aderenza ai cambiamenti dello stile di vita raccomandati sta portando a un maggiore apporto di sale per i pazienti ipertesi, a più farmaci necessari per trattare le loro condizioni e a più effetti collaterali da questi farmaci, secondo l’autore principale Dr. Kazuto Ohno, Enshu Hospital, Hamamatsu, Giappone.

“I pazienti possono essere in grado di migliorare questo circolo vizioso limitando l’assunzione di sale”, ha detto il dottor Ohno. “Di conseguenza, evitare malattie causate da ipertensione, come infarti, ictus e insufficienza cardiaca, inoltre possono essere in grado di evitare effetti collaterali da farmaci antipertensivi, come vertigini e svenimenti”.

L’assunzione eccessiva di sale è una delle cause più importanti di ipertensione e la restrizione del sale è una strategia chiave per gestirlo, ma pochi studi sono stati condotti sulla relazione tra assunzione di sale e pressione arteriosa in pazienti ipertesi sottoposti a trattamento con farmaci antipertensivi.

Gli autori dello studio hanno arruolato 12.422 pazienti che assumevano farmaci per l’ipertensione che hanno visitato l’ospedale per un controllo fisico dal 2010-2016. L’assunzione di sale individuale è stata stimata in grammi al giorno usando una formula di calcolo delle urine spot mostrata come efficace negli studi precedenti.

I livelli di pressione arteriosa e i pazienti che mantengono la pressione arteriosa target inferiore a 140 / 90mmHg sono migliorati durante lo studio di sette anni tra tutti i gruppi, ma l’assunzione di sale individuale è cresciuta in tutti i gruppi.

“Sebbene i valori di pressione arteriosa nei pazienti ipertesi si fossero ridotti, l’assunzione di sale è stata gradualmente aumentata”, ha aggiunto il dott. Ohno. “Riteniamo che il miglioramento del controllo della pressione arteriosa non sia dovuto alla limitazione del sale ma a causa del trattamento farmacologico”.

Le linee guida per la gestione dell’ipertensione 2014 pubblicate dalla società giapponese di ipertensione, raccomandano meno di sei grammi di assunzione di sale al giorno, il dottor Ohno ha detto, ma meno del quattro per cento dei partecipanti allo studio hanno seguito di tali raccomandazioni.

I pazienti nello studio sono stati divisi in tre gruppi in base al fatto che fossero attualmente prescritti uno, due, tre o più farmaci antipertensivi.

“Lo studio osservazionale in pazienti ipertesi con farmaci antipertensivi ha rilevato due fatti comparativi: un miglioramento dei livelli di pressione arteriosa e un aumento dell’assunzione di sale”, ha spiegato il dott. Ohno. “In particolare, nei pazienti ipertesi con più farmaci antipertensivi, l’assunzione di sale era superiore a quelli che assumevano solo un farmaco antipertensivo.”

L’assunzione di sale per le persone sane è stata presa di mira a meno di 8 g / die per gli uomini e meno di 7 g / giorno per le donne in Dietary Reference Intakes for Japanese (2015) pubblicata dal Ministero della Salute, del Lavoro e del Welfare.

“Tuttavia, il National Health and Nutrition Examination Survey 2016 5 ha riportato 10,8 g / giorno negli uomini, 9,2 g / die nelle donne”, ha detto il dott. Ohno. “Più consapevolezza sui danni di una maggiore assunzione di sale è necessaria sia nei pazienti ipertesi che in quelli sani: possiamo controllare la quantità di sale in molti alimenti e condimenti, come salsa di soia, pasta di miso, maionese e così via, che sono stampati sulle etichette degli alimenti.E ‘impossibile misurare l’assunzione di sale in ogni pasto, quindi tutti noi dovremmo cercare di prendere il cibo con sale ridotto facendo riferimento alle etichette degli alimenti. ”

Il dott. Ohno ha detto che la ricerca in futuro dovrebbe considerare se la guida nutrizionale può migliorare il tasso di completamento della pressione arteriosa target e diminuire il numero di prescrizioni di farmaci antipertensivi.

“Come nuovo tentativo, abbiamo spiegato il loro valore stimato di assunzione di sale e fornito indicazioni nutrizionali che includono sale, calorie e così via ai partecipanti dal 2017. Pensiamo che la restrizione del sale sia un importante fattore modificabile dello stile di vita per trattare e prevenire l’ipertensione” ha concluso.

Categorie:Mangiare, Terapie

Con tag:,