Batticuore

Sonno breve e frammentato legato all’indurimento delle arterie

Dormire meno di sei ore o svegliarsi più volte nella notte è associato ad un aumentato rischio di aterosclerosi asintomatica, che indurisce in silenzio e restringe le arterie, secondo i risultati dello studio PESA presentato oggi al Congresso ESC 2018.

Il Dott. Fernando Dominguez, autore dello studio del Centro Nazionale Spagnolo per la Ricerca Cardiovascolare (CNIC) di Madrid, ha dichiarato: “Cattive abitudini di sonno sono molto comuni nelle società occidentali e studi precedenti hanno suggerito come sia il sonno breve che quello lungo sono associati ad un aumento rischio di malattie cardiovascolari, tuttavia, vi è una mancanza di ampi studi che hanno misurato oggettivamente sia il sonno che l’aterosclerosi subclinica. ”

Pubblicità e progresso

Lo studio PESA ha arruolato 3.974 adulti di mezza età in buona salute che indossavano un monitor di attività alla cintola per sette giorni onde registrare la qualità e la quantità del sonno. Erano divisi in cinque gruppi in base alla proporzione del sonno frammentato e quattro gruppi che indicavano le ore medie dormite una notte: meno di sei (molto breve), sei a sette (breve), sette a otto (il riferimento) e più di otto (lungo). L’aterosclerosi è stata valutata nelle arterie delle gambe e del collo usando ultrasuoni tridimensionali.

L’età media dei partecipanti era di 46 anni e il 63% erano uomini. Dopo aggiustamento per i fattori di rischio cardiovascolari convenzionali e potenziali fattori confondenti, tra cui età, sesso, attività fisica da moderata a vigorosa, indice di massa corporea, stato di fumatore, consumo di alcol, pressione sanguigna , livello di istruzione, livelli di glucosio nel sangue , colesterolo totale, consumo calorico totale per punteggio del questionario del giorno, dello stato civile, dello stress e della depressione e del rischio di apnea ostruttiva del sonno (punteggio STOP-BANG), i dormienti molto corti avevano un’arteriosclerosi significativamente maggiore rispetto a quelli che avevano da sette a otto ore (odds ratio [OR] 1,27, intervallo di confidenza al 95% [ CI] 1,06-1,52, p = 0,008) (vedi figura).

Quelli nel quintile più alto di sonno frammentato avevano più probabilità di avere diverse sezioni di arterie con aterosclerosi rispetto a quelle del quintile più basso (OR 1,34, IC 95% 1,09-1,64, p = 0,006) (figura).

Il Dr. Dominguez ha dichiarato: “Le persone con un sonno breve o interrotto avevano anche una maggiore probabilità di avere la sindrome metabolica, che si riferisce alla combinazione di diabete, pressione alta e obesità, e descrive uno stile di vita malsano.”

Ha concluso: “Il mancato sonno e l’irrequietezza durante la notte dovrebbero essere considerati fattori di rischio per il blocco o il restringimento delle arterie. Sono necessari studi per scoprire se dormire bene e abbastanza a lungo può impedire o invertire questo effetto sulle arterie. Nel frattempo sembra ragionevole prendere provvedimenti per dormire bene la notte, come avere uno stile di vita fisicamente attivo ed evitare caffè e cibi grassi prima di andare a dormire. “

Categorie:Batticuore

Con tag:,,