Complicanze varie/eventuali

Un basso livello di vitamina D collegato a neuropatia diabetica periferica dolorosa

I pazienti con diabete di tipo 2 e neuropatia diabetica dolorosa periferica avevano livelli significativamente più bassi di 25-idrossivitamina D rispetto a volontari sani e pazienti con diabete di tipo 2 senza neuropatia o con neuropatia indolore, secondo i dati pubblicati in Diabetic Medicine.

“Numerosi studi recenti hanno riportato livelli ridotti di vitamina D nella neuropatia periferica diabetica, sebbene tanti di questi non abbiano valutato i principali fattori confondenti, tra cui l’esposizione alla luce solare stagionale e l’attività quotidiana,” Solomon Tesfaye, MB ChB, MD, FRCP, consulente medico / endocrinologo presso Sheffield Teaching Hospitals e professore onorario di medicina e diabetologia presso l’Università di Sheffield, e colleghi hanno scritto nel background dello studio. “Ci sono alcune prove, anche se non coerenti, che l’integrazione di vitamina D migliora i sintomi neuropatici dolorosi, suggerendo che la vitamina D possa avere un ruolo nella patogenesi della neuropatia diabetica periferica dolorosa. Il nostro studio è stato progettato per risolvere questi limiti.”

I ricercatori hanno valutato i dati di 59 persone, tra cui 14 volontari sani, 14 pazienti con diabete di tipo 2 senza neuropatia, 14 pazienti con diabete di tipo 2 e neuropatia diabetica periferica indolore, e 17 pazienti con diabete di tipo 2 e neuropatia diabetica dolorosa periferica. I ricercatori hanno reclutato pazienti dalla banca dati sul diabete e dalle cliniche ambulatoriali dell’ospedale Sheffield Teaching Hospitals NHS Foundation Trust da agosto 2013 a settembre 2014.

I pazienti con neuropatia periferica diabetica avevano un BMI più elevato ( p = 0,02) ed erano più anziani ( p = 0,009) rispetto ai volontari sani e ai pazienti senza neuropatia. I ricercatori non hanno rilevato differenze significative tra i gruppi nelle stime di esposizione alla luce solare o attività all’aperto. I pazienti con neuropatia avevano punteggi significativamente più alti sull’arto inferiore del punteggio di compromissione della neuropatia e densità delle fibre nervose intraepermermiche molto basse ( P <.01).

Ricercatori aggiustati per età, indice di massa corporea, punteggio di attività ed esposizione alla luce solare e hanno trovato livelli significativamente più bassi di 25 idrossivitamina D in pazienti con neuropatia diabetica periferica dolorosa: 34,9 nmol / L rispetto a 62,05 nmol / L in volontari sani, 49,6 nmol / L in pazienti con diabete di tipo 2 e nessuna neuropatia periferica e 53,1 nmol / L nei pazienti con diabete di tipo 2 e neuropatia diabetica periferica indolore ( P = .03).

I ricercatori hanno poi condotto un’analisi di regressione logistica diretta per valutare l’impatto di sette variabili indipendenti sulla neuropatia diabetica periferica dolorosa: età, indice di massa corporea, punteggio di esposizione alla luce solare, punteggio di attività, durata del diabete, pressione arteriosa media e livelli di vitamina D. L’analisi ha rivelato che la vitamina D era l’unica variabile indipendente che ha contribuito in modo statisticamente significativo al modello (OR invertito = 1,11).

“Questo suggerisce che per ogni unità di riduzione della vitamina D, le probabilità di neuropatia diabetica periferica dolorosa veniva aumentata di un fattore di 1,11”, hanno scritto i ricercatori.

I dati hanno anche rivelato una significativa correlazione negativa tra i livelli di vitamina D e i punteggi del dolore ( P = 0,02), ma nessuna correlazione significativa tra i livelli di vitamina D e gli studi di conduzione nervosa. Livelli inferiori di 25 idrossivitamina D sono stati anche associati a soglie di rivelazione a freddo più basse ( P = 0,02) e densità di fibre nervose subepidermiche ( P = .01). I ricercatori hanno anche valutato la relazione tra i livelli di vitamina D e HbA1c e hanno trovato una significativa correlazione negativa con un carico di glucosio più elevato associato a livelli più bassi di vitamina D ( P = .01), che hanno suggerito un possibile collegamento meccanicistico tra diabete, vitamina D e neuropatia.

“Sono necessari ulteriori studi prospettici a lungo termine o interventistici per esaminare la causalità (cioè, se i bassi livelli sierici di vitamina D provocano neuropatia diabetica periferica dolorosa o se sono un fattore di rischio / marker surrogato per lo sviluppo di neuropatia diabetica periferica dolorosa)” i ricercatori hanno scritto. “Se la causalità è confermata, ciò avrà un impatto significativo sulla pratica clinica poiché ci sarebbe una chiara motivazione per lo screening precoce e il trattamento per la bassa vitamina D nelle persone con neuropatia diabetica dolorosa”.

Disclosure: Lo studio è stato finanziato da Sheffield Teaching Hospitals NHS Trust, fondo di beneficenza. Gli autori non riportano alcuna informativa finanziaria pertinente.