Mangiare

Le variazioni degli orari di colazione e cena possono ridurre il grasso corporeo

Modeste modifiche ai tempi di colazione e cena possono ridurre il grasso corporeo, secondo un nuovo studio pilota nel rapporto pubblicato sul Journal of Nutritional Sciences.

Durante uno studio di 10 settimane su “alimentazione limitata nel tempo” (una forma di digiuno intermittente), i ricercatori guidati dal Dr. Jonathan Johnston dell’Università del Surrey hanno studiato l’impatto che i tempi dei pasti ricevono sull’assunzione alimentare, sulla composizione corporea e sui marcatori del rischio ematico per il diabete e le malattie cardiache.

I partecipanti sono stati divisi in due gruppi: quelli che dovevano ritardare la loro colazione di 90 minuti e cenare 90 minuti prima, e quelli che mangiavano i pasti come farebbero normalmente (i controlli). I partecipanti dovevano fornire campioni di sangue e completare i diari dietetici prima e durante l’intervento di 10 settimane e compilare un questionario di feedback subito dopo lo studio.

A differenza degli studi precedenti in questo settore, ai partecipanti non è stato chiesto di attenersi a una dieta rigida e di poter mangiare liberamente, purché all’interno di una certa finestra alimentare. Ciò ha aiutato i ricercatori a valutare se questo tipo di dieta fosse facile da seguire nella vita di tutti i giorni.

I ricercatori hanno scoperto che coloro i quali avevano cambiato i loro pasti perdevano in media più del doppio di grasso corporeo rispetto a quelli del gruppo di controllo, che consumavano i pasti normalmente. Se questi dati pilota possono essere ripetuti in indagini più ampe, è possibile che l’alimentazione a tempo limitato abbia grandi benefici per la salute.

Sebbene non vi fossero restrizioni su ciò che i partecipanti potevano mangiare, i ricercatori hanno scoperto che coloro che cambiavano i loro pasti consumavano meno cibo in generale rispetto al gruppo di controllo. Questo risultato è stato supportato da risposte al questionario le quali hanno rilevato che il 57% dei partecipanti notava una riduzione dell’assunzione di cibo dovuta a calo dell’appetito, riduzione delle opportunità di mangiare o un cambiamento degli spuntini (in particolare la sera). Attualmente è incerto se il periodo di digiuno più lungo intrapreso da questo gruppo è stato anche un fattore che contribuisce a questa riduzione del grasso corporeo.

Come parte dello studio, i ricercatori hanno anche esaminato se le diete a digiuno sono compatibili con la vita di tutti i giorni e l’impegno a lungo termine. Interrogato, il 57% dei partecipanti ritiene di non poter mantenere i nuovi orari dei pasti oltre le 10 settimane prescritte a causa della loro incompatibilità con la vita familiare e sociale. Tuttavia, il 43% dei partecipanti prenderebbe in considerazione di continuare se i tempi di consumo fossero più flessibili.

Dr. Jonathan Johnston, lettore in cronobiologia e fisiologia integrativa presso l’Università del Surrey, ha dichiarato:

“Anche se questo studio è piccolo, ci ha fornito preziose informazioni sul modo in cui lievi alterazioni ai nostri orari dei pasti possono avere benefici per il corpo. La riduzione del grasso contestualmente fa diminuire le possibilità di sviluppare obesità e malattie correlate, quindi è fondamentale per migliorare la nostra complessiva salute.

“Tuttavia, come abbiamo visto con questi partecipanti, le diete a digiuno sono difficili da seguire e potrebbero non essere sempre compatibili con la vita familiare e sociale, pertanto dobbiamo assicurarci che siano flessibili e favorevoli alla quotidianità, così come i potenziali benefici di tali le diete sono chiari da vedere.

“Ora utilizzeremo questi risultati preliminari per progettare studi più ampi e completi sull’alimentazione a tempo limitato”.

Categorie:Mangiare

Con tag:,