Batticuore

Il rischio cardiaco in eccesso varia con l’età di esordio del diabete tipo 1

Il rischio cardiovascolare in eccesso varia con l’età alla diagnosi del diabete di tipo 1, secondo uno studio pubblicato online il 27 agosto su The Lancet .

Araz Rawshani, Ph.D., dell’Università di Göteborg, in Svezia, e colleghi hanno esaminato come l’età alla diagnosi del diabete si riferisce alla mortalità in eccesso e al rischio cardiovascolare. Gli individui con diabete sono stati classificati in base all’età alla diagnosi. I dati sono stati inclusi per 27.195 individui con diabete di tipo 1 e 135.178 controlli abbinati.
I ricercatori hanno scoperto che durante un follow-up mediano di 10 anni, sono deceduti 959 individui con diabete di tipo 1 e 1.501 controlli. Tra i pazienti che hanno sviluppato diabete di tipo 1 a 0-10 anni, i hazard ratio erano significativamente aumentati per mortalità per tutte le cause (4.11), mortalità cardiovascolare (7.38), mortalità non cardiovascolare (3.96), malattia cardiovascolare (11.44), cardiopatia coronarica (30,50), infarto miocardico acuto (30,95), ictus (6,45) e insufficienza cardiaca (12,90) e aumento non significativo della fibrillazione atriale (1,17).

Per i pazienti che hanno sviluppato il diabete all’età di 26-30 anni, i hazard ratio erano anche significativamente aumentati per la mortalità per tutte le cause (2,83), la mortalità cardiovascolare (3,64), la mortalità non cardiovascolare(2.78), malattia cardiovascolare (3.85), malattia coronarica (6.08), infarto miocardico acuto (5.77), ictus (3.22), insufficienza cardiaca (5.07) e aumento non significativo della fibrillazione atriale (1.18). In diversi gruppi di età di diagnosi, il rischio di eccesso era diverso fino a cinque volte.

“Una maggiore attenzione alla cardioprotezione potrebbe essere giustificata nelle persone con diabete di tipo 1 ad esordio precoce “, scrivono gli autori.
Diversi autori hanno rivelato legami finanziari con l’industria farmaceutica.