Vista e dintorni

Occhio secco: scomporre le lacrime, verso una diagnostica semplificata

Misurando le proteine ??nelle lacrime, gli oftalmologi possono diagnosticare più facilmente gli occhi secchi (secchezza degli occhi). Peter Raus, un oculista belga dell’Istituto di Biologia di Leida, ha sviluppato un nuovo metodo per la determinazione delle proteine ??nel liquido lacrimale. La tecnica è anche promettente per la diagnosi precoce di malattie come il diabete, le malattie neurodegenerative e persino il decompensamento cardiaco. 

La malattia dell’occhio secco (DED) è una condizione dell’occhio comune, che può causare cecità. Questa condizione è spesso difficile da diagnosticare nei pazienti. Di conseguenza, il trattamento è difficile, Peter Raus dal suo lavoro di oftalmologo con il suo metodo innovativo ora offre speranza agli oftalmologi. Attraverso lo screening del liquido lacrimale dei pazienti DED con le più recenti e potenti apparecchiature, Raus è riuscito a mappare in dettaglio le proteine ??nelle loro diverse forme, i cosiddetti proteoformi, sono particolarmente importanti a questo riguardo. Questi danno un’indicazione di cosa esattamente sta andando male in un paziente con gli occhi asciutti, e che a sua volta rende il trattamento più facile.

Misurazione clinica

Al momento, una misurazione richiede ancora uno spettrometro di massa altamente avanzato – un dispositivo dal costo di 1,5 milioni di euro – il quale necessita diverse ore il test. Questo non è fattibile per un ospedale o una clinica oculistica. Ma l’applicazione clinica non è lontana, dice Raus. “Abbiamo solo bisogno di un passo: abbiamo bisogno di creare un database di tutti i proteoformi nel liquido lacrimale, quindi non saranno più necessarie misurazioni complicate, con l’aiuto di un set-up molto più piccolo e solo un po ‘di liquido lacrimale, gli oftalmologi possono fare una diagnosi entro cinque minuti in pratica “.

Rilevazione del diabete nel liquido lacrimale

Oltre a diagnosticare il DED, l’analisi del liquido lacrimale è anche una tecnica promettente per la diagnosi precoce di altre condizioni, incluso il diabete. “Il diabete tipo 2 viene ora spesso diagnosticato in uno stadio avanzato della malattia”, dice Raus. “Usando il nostro metodo col fluido lacrimale, è possibile riscontrare il diabete molto prima e, in molti casi, sarà più facile curare la malattia”.

I medici e supervisori Peter Verhaert e Han de Winde sono molto contenti della tecnologia sviluppata da Raus, soprattutto per quanto sia innovativa. “Non siamo gli unici al mondo a considerare il liquido lacrimale come uno strumento diagnostico, ma siamo stati i primi a combinare le più recenti attrezzature con le ultime strategie analitiche focalizzate sulle forme proteiche .” Circa il 95% di tutti i ricercatori hanno tagliato le proteine in segmenti, prima di analizzarle. La nuova generazione di spettrometri di massa è analiticamente così potente e sensibile che non dobbiamo fare tale processo sulle proteine ??per scoprire le diverse modifiche proteiche nel liquido lacrimale, cosa non possibile con approcci e tecniche più tradizionali.”

La malattia dell’occhio secco è una condizione in cui l’occhio non produce abbastanza liquido lacrimale. Questo può causare dolore, scarsa visione e persino cecità. Si verifica nel 7% della popolazione americana e fino al 33% a Taiwan e in Giappone. Le persone di età superiore ai 60 anni sono particolarmente colpite da DED.

Categorie:Vista e dintorni

Con tag:,