Complicanze varie/eventuali

Aumento del rischio di riospedalizzazione per complicanze del diabete acuto e tentativi di suicidio nei pazienti con diabete di tipo 1 e schizofrenia comorbida

Lo scopo di questo ampio studio di coorte retrospettivo effettuato dall’Università della Franca Contea della Borgogna, Digione, Francia era di stimare i rischi supplementari di morbilità e mortalità conferiti dalla co-comparsa di schizofrenia tra i giovani con diabete di tipo 1.

Questo studio nazionale basato sulla popolazione comprendeva individui di età compresa tra 15 e 35 anni ospedalizzati in Francia per il diabete di tipo 1 dal 2009 al 2012 con o senza schizofrenia. Per la valutazione dell’occorrenza di riospedalizzazione per complicanze acute del diabete, tentativi di suicidio e mortalità ospedaliera, regressioni logistiche multivariate e analisi di sopravvivenza aggiustate per età, sesso e indici di Comorbilità di Charlson sono stati eseguiti.

L’associazione tra ospedalizzazione per tentativi di suicidio e complicanze del diabete acuto è stata ulteriormente esplorata in un’analisi di sopravvivenza, con l’esposizione di complicanze del diabete acuto come covariata dipendente dal tempo.

Tra le 45.555 persone di età compresa tra 15 e 35 anni che sono state ospedalizzate per il diabete di tipo 1, 341 (0,75%) ha avuto un ricovero precedente o contemporaneo per schizofrenia. Entro 3 anni dal follow-up, la schizofrenia era associata ad un aumento dei rischi di riospedalizzazione per ipoglicemia (rapporto di probabilità aggiustato 3,21 [IC 95%: 1,99-5,20]), iperglicemia (7,01 [3,53-13,90]), chetoacidosi (2,01 [1,49-2,70 ]) e coma (3.17 [1.90-5.27]); ricovero per tentativi di suicidio (12.15 [8.49-17.38]); e mortalità ospedaliera (2,83 [1,50-5,36]). L’ospedalizzazione per un tentativo di suicidio è stata associata ad un aumentato rischio di ospedalizzazione per complicanze del diabete acuto indipendentemente dalla schizofrenia (rapporto di rischio 3,46 [IC 95% 2,74-4,38]).

I pazienti che soffrono della combinazione di diabete di tipo 1 e schizofrenia sono ad aumentato rischio di ospedalizzazione per complicanze del diabete acuto così come suicidio e mortalità ospedaliera. Questi individui possono richiedere programmi di cura specifici e un attento monitoraggio della salute mentale, somatica e sociale.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Diabetes Care del 28 agosto 2018.