Complicanze varie/eventuali

Disfunzione tiroidea legata al diabete gestazionale

thyroiddysfu

I livelli di triiodotironina (fT3) più alti, ma non la tiroxina libera (fT4) o i livelli di ormone stimolante la tiroide (TSH), sono associati al diabete mellito gestazionale (GDM), secondo uno studio pubblicato nel numero di luglio del Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism .
Shristi Rawal, Ph.D., del National Institutes of Health di Bethesda, Maryland, e colleghi hanno condotto uno studio caso-controllo in cui sono stati misurati i marker della tiroide (fT3, fT4 e TSH) e il rapporto fT3-fT4 è stato derivato attraverso quattro visite in gravidanza. Associazioni specifiche del trimestre di marcatori tiroidei con conseguente rischio GDM sono state esaminate dopo aggiustamento per lo stato di autoimmunità tiroidea e principali fattori di rischio GDM. I partecipanti hanno incluso 107 casi GDM e 214 controlli non GDM da una coorte di gravidanza multirazziale.

I ricercatori hanno scoperto che sia il rapporto fT3 che il rapporto fT3-fT4 erano positivamente correlati con GDM (odds ratio aggiustati, 4,25 e 3,89 confrontando il più alto rispetto al quartile fT3 più basso al primo e al secondo trimestre, rispettivamente). Al primo e al secondo trimestre, rispettivamente, le corrispondenti stime di rischio per il rapporto fT3-fT4 erano 8.63 e 13.6. Non c’erano associazioni significative per TSH o fT4 con GDM. Nel secondo, ma non nel primo trimestre, l’ipotiroxinemia isolata era significativamente correlata all’aumentato rischio di GDM (odds ratio aggiustato, 2,97 confrontando l’ipotiroidemia con le donne eutiroidee).

“Livelli più alti di fT3, potenzialmente derivanti dalla sintesi de novo o da una maggiore conversione da fT4 a fT3, possono essere un indicatore del rischio GDM che inizia all’inizio della gravidanza”, scrivono gli autori.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.