Dai media e web

La ricerca rivela che i robot e i troll influenzano la discussione sui vaccini su Twitter

I social media e i troll russi hanno promosso discordia e diffuso informazioni false sui vaccini in Twitter, secondo una nuova ricerca condotta dalla George Washington University. Usando tattiche simili a quelle al lavoro durante le elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2016, questi account Twitter hanno iniziato i dibattiti sui vaccini mesi prima che la stagione delle elezioni fosse in corso. Lo studio, “Weaponized Health Communication: Twitter Bots e Russian Trolls Amplify the Vaccine Debate” è stato pubblicato oggi sull’American Journal of Public Health.

Il team, che comprende anche ricercatori dell’Università del Maryland e della Johns Hopkins University, ha esaminato migliaia di tweet inviati tra luglio 2014 e settembre 2017. Ha scoperto diversi account, ora noti per appartenere agli stessi troll russi che hanno interferito nelle elezioni americane, così come i bot di marketing e malware, twittato sui vaccini e sulle comunicazioni sanitarie online distorte.

“La stragrande maggioranza degli americani ritiene che i vaccini siano sicuri ed efficaci, ma guardare Twitter dà l’impressione che ci sia un sacco di dibattito: si scopre che molti tweet anti-vaccino provengono da account la cui provenienza non è chiara. utenti umani o account “hackerati” dai cyborg che vengono talvolta rilevati dai bot. Sebbene sia impossibile sapere esattamente quanti tweet sono stati generati da bot e troll, i nostri risultati suggeriscono che una parte significativa del discorso online sui vaccini può essere generata da attori malvagi con una serie di programmi nascosti “, ha detto David Broniatowski, un assistente professore della Scuola di ingegneria e scienze applicate di GW.

Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che “i responsabili dell’inquinamento dei contenuti”, ovvero i distributori di malware, contenuti commerciali non richiesti e materiali dirompenti, hanno trasmesso messaggi anti-vaccinazione il 75% in più rispetto agli utenti medi di Twitter.

“I contaminanti di contenuti sembrano utilizzare i messaggi anti- vaccino come esca per invogliare i loro follower a fare clic su pubblicità e collegamenti a siti Web dannosi.” Ironia della sorte, il contenuto che promuove l’esposizione a virus biologici può anche favorire l’esposizione a virus informatici “, Sandra Crouse Quinn, una ricercatrice membro della squadra e professore alla School of Public Health presso l’Università del Maryland, ha detto.

I troll russi e gli account bot più sofisticati hanno usato una tattica diversa, postando quantità uguali di tweet pro e anti-vaccinazione. Il team del dott. Broniatowski ha esaminato più di 250 tweet sulla vaccinazione inviati da account collegati alla Internet Research Agency, una società russa appoggiata dal governo recentemente incriminata da un gran giurì statunitense a causa dei suoi tentativi di interferire nelle elezioni americane del 2016. I ricercatori hanno scoperto che i tweet utilizzano un linguaggio polarizzante che collega la vaccinazione a questioni controverse nella società americana, come le disparità razziali ed economiche.

“Questi troll sembrano utilizzare la vaccinazione come una questione cuneo, promuovendo la discordia nella società americana”, ha detto Mark Dredze, un membro del team e professore di informatica presso la Johns Hopkins. “Tuttavia, giocando su entrambi i lati, essi erodono la fiducia del pubblico nella vaccinazione, esponendoci tutti al rischio di malattie infettive.” I virus non rispettano i confini nazionali “.

Categorie:Dai media e web

Con tag:,