Batticuore

Identificato il legame ormonale tra diabete e ipertensione

Dr. Joshua J. Joseph (a destra) esamina un paziente con diabete. Joseph ha condotto uno studio presso il Wexner Medical Center dell’Ohio State University che ha scoperto come l’aldosterone è associato ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2. Ha anche scoperto che il rischio è quasi tre volte maggiore per gli afro-americani con alti livelli di ormone.

I ricercatori medici presso il College of Medicine dell’Ohio State University- Wexner Medical Center affermano che l’aumento dei livelli dell’ormone aldosterone, già associato all’ipertensione, può svolgere un ruolo significativo nello sviluppo del diabete tipo 2, in particolare in alcuni gruppi razziali.

“Questa ricerca è un passo importante verso la ricerca di nuovi modi per prevenire una grave malattia cronica”, ha affermato il dott. K. Craig Kent, decano del College of Medicine. “Ciò dimostra come i nostri scienziati impegnati nel campo del diabete e metabolismo siano concentrati sulla creazione di un mondo senza diabete”.

Pubblicità e progresso

I risultati di questo studio sono stati pubblicati online oggi dal Journal of American Heart Association.

“L’aldosterone è prodotto dalla ghiandola surrenale, sappiamo da tempo che aumenta la pressione sanguigna, abbiamo recentemente appreso che aumenta anche la resistenza all’insulina nei muscoli e altera la secrezione di insulina dal pancreas: entrambe le azioni aumentano il rischio di sviluppo del diabete tipo 2 di una persona, ma la domanda era – quanto “, ha detto il dottor Joshua J. Joseph, capo investigatore ed endocrinologo al Wexner Medical Center dell’Ohio.

Joseph e il suo team hanno seguito 1.600 persone in diverse popolazioni per 10 anni come parte dello studio multietnico sull’aterosclerosi. Hanno trovato, nel complesso, il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 più che raddoppiato per le persone che avevano livelli più elevati di aldosterone, rispetto ai partecipanti con valori più bassi dell’ormone. In alcune etnie, l’effetto era ancora maggiore. Gli afroamericani con alti livelli di aldosterone hanno un rischio quasi triplo. Gli americani cinesi con alti livelli di aldosterone hanno una probabilità 10 volte maggiore di sviluppare il diabete.

“Ho considerato questo come una promessa a mio padre: aveva alti livelli di aldosterone che contribuivano alla sua ipertensione, e pensava che potesse anche essere legato al suo diabete. Mentre progredivo della mia carriera, ho avuto l’opportunità di ricercarlo, e abbiamo trovato un collegamento con il diabete “, ha detto Joseph.

Rimane una domanda sul perché ci sono ampie differenze di rischio tra i vari gruppi etnici. Joseph ha detto che potrebbe essere genetica o differenze nella sensibilità al sale o qualcos’altro, e si ha bisogno di ulteriori studi.

Poco più di 30 milioni di americani hanno il diabete e quasi un quarto di loro non lo sa, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Un americano su tre americani ha prediabete. Nonostante gli attuali sforzi nella prevenzione, i numeri continuano a salire tra i vari gruppi etnici / razziali.

Successivamente, Joseph condurrà una sperimentazione clinica finanziata a livello federale presso il Wexner Medical Center dell’Ohio State per valutare il ruolo dell’aldosterone nel metabolismo del glucosio. I partecipanti afroamericani che hanno prediabete assumeranno farmaci per abbassare i loro livelli di aldosterone. I ricercatori studieranno l’impatto sulla glicemia e sull’insulina in quei soggetti.

“Sappiamo che esiste una relazione tra aldosterone e diabete di tipo 2. Ora dobbiamo determinare le soglie che guideranno l’assistenza clinica e i migliori farmaci per il trattamento”, ha detto Joseph. Che si aspetta di iniziare ad arruolare pazienti in quella sperimentazione entro la fine dell’anno.