Complicanze varie/eventuali

Stammi ad ascoltare

Adv

L’evidenza mostra che il diabete di tipo 1 (T1D) porta a danni vascolari e neuropatia. Lo scopo di questo studio condotto dalla Divisione di Otorinolaringoiatria – Chirurgia della testa e del collo, University Hospital Center (CHUM), Montreal, QC, Canada, era di eseguire una revisione sistematica e una meta-analisi per valutare l’evidenza degli effetti del T1D sulla funzione uditiva.

Sono stati utilizzati tre database elettronici. Gli articoli sono stati esaminati in modo indipendente da due autori utilizzando criteri di inclusione predefiniti per identificare gli studi idonei. Sono stati quindi classificati come qualità metodologica alta o bassa. La meta-analisi è stata eseguita su dati aggregati di prevalenza di perdita dell’udito (HL), audiometria tonale pura (PTA), emissioni otoacustiche (OAE) e risposta del tronco cerebrale uditivo (ABR).

Ventuno articoli hanno soddisfatto i criteri di inclusione. In tutti gli studi, l’HL è stato definito come tono puro superiore a 20 dB in almeno una frequenza. La prevalenza di HL variava tra il 5,17% e il 48% per i diabetici, che era maggiore rispetto ai controlli che variavano tra 0% e 40% (OR = 7,7, IC 95% 3,32-17,98, p <0,05 e I 2?= 40%) . La tendenza delle soglie medie di PTA era più alta nei diabetici rispetto ai controlli, con risultati statisticamente significativi a 250, 500 e 1000 Hz. OAE erano significativamente più bassi nei pazienti diabetici. Le latenze ABR erano più lunghe nel gruppo T1D rispetto ai controlli e erano statisticamente significative.

I pazienti con T1D hanno una prevalenza significativamente maggiore di HL rispetto al gruppo di controllo. Questi danni potrebbero essere confrontati con altre malattie microvascolari. Sono necessari ulteriori studi per valutare se il test dell’udito debba essere considerato come una parte del processo di screening nei pazienti con T1D e, pertanto, può essere garantito anche un trattamento preventivo secondario.

Pubblicato sulla rivista scientifica International Journal of Pediatric Otorhinolaryngology ottobre 2018.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: