Sport e movimento

A livello mondiale, 1,4 miliardi di adulti a rischio di malattia non fanno abbastanza attività fisica

Più di un quarto (1,4 miliardi) della popolazione adulta nel mondo è stata insufficientemente attiva nel 2016, mettendosi a maggior rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, demenza e alcuni tumori, secondo il primo studio che stima le tendenze dell’attività fisica a livello mondiale. Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e pubblicato su The Lancet Global Health journal.

Messe insieme, queste stime dimostrano che ci sono stati pochi progressi nel miglioramento dei livelli di attività fisica tra il 2001 e il 2016. I dati mostrano che se le attuali tendenze continueranno, l’obiettivo di attività globale del 2025 di un aumento relativo del 10% dell’attività fisica non sarà raggiunto.

Pubblicità e progresso

“A differenza di altri importanti rischi sanitari globali, i livelli di attività fisica insufficiente non stanno diminuendo in media in tutto il mondo e oltre un quarto di tutti gli adulti non raggiunge i livelli raccomandati di esercizio fisico per una buona salute”, avverte l’autore principale dello studio, Dr. Regina Guthold dell’OMS, Svizzera.

Nel 2016, circa una donna su tre (32%) e un uomo su quattro (23%) nel mondo non raggiungevano i livelli raccomandati di attività fisica per rimanere in salute, ovvero almeno 150 minuti di intensità moderata o 75 minuti di attività fisica ad intensità vigorosa a settimana.

Il nuovo studio si basa su livelli di attività autodichiarati, tra cui attività lavorative e a casa, per il trasporto e durante il tempo libero, negli adulti di età pari o superiore a 18 anni da 358 sondaggi basati sulla popolazione in 168 paesi, inclusivi di 1,9 milioni di partecipanti.

Tra i principali risultati dello studio si sono:

  • Nel 2016, i livelli di attività insufficiente tra gli adulti variavano ampiamente tra i gruppi di reddito: il 16% nei paesi a basso reddito rispetto al 37% nei paesi ad alto reddito.
  • In 55 (33%) dei 168 paesi, più di un terzo della popolazione era insufficientemente attiva fisicamente.
  • In quattro paesi, oltre la metà degli adulti era insufficientemente attiva: il Kuwait (67%), le Samoa americane (53%), l’Arabia Saudita (53%) e l’Iraq (52%).
  • I Paesi con i livelli più bassi di attività fisica nel 2016 sono stati Uganda e Mozambico (6% ciascuno).
  • Le donne erano meno attive degli uomini in tutte le regioni del mondo,
  • Le regioni con il maggiore aumento nel tempo di attività insufficienti sono state i paesi occidentali ad alto reddito (dal 31% nel 2001 al 37% nel 2016) e l’America Latina e i Caraibi (dal 33% al 39%). Paesi di queste regioni alla guida di questa tendenza sono Germania, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Argentina e Brasile.
  • La regione con la maggiore diminuzione dell’attività insufficiente è stata l’Asia orientale e sudorientale (dal 26% nel 2001 al 17% nel 2016), che è stata largamente influenzata dall’assorbimento dell’attività fisica in Cina, il paese più popolato della regione.

Nei paesi più ricchi, la transizione verso occupazioni più sedentarie, attività ricreative e trasporti motorizzati potrebbe spiegare i più alti livelli di inattività, mentre nei paesi a basso reddito, secondo gli autori, viene svolta più attività sul lavoro e nei trasporti. Mentre il declino dell’attività fisica professionale e domestica sono inevitabili nei paesi ove prospera e aumenta l’uso della tecnologia, i governi devono fornire e mantenere infrastrutture che promuovano l’aumento della mobilità a piedi e in bicicletta per il trasporto e gli sport e le attività ricreative attive.

“Le regioni con livelli crescenti di insufficiente attività fisica sono una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica e la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili (NCD)”, afferma Dr Guthold.

“Sebbene un recente sondaggio sulla NCD abbia mostrato che quasi tre quarti dei paesi riportano di avere una politica o un piano d’azione per affrontare l’inattività fisica, pochi sono stati implementati per avere un impatto nazionale. I paesi dovranno migliorare l’attuazione delle politiche per aumentare le opportunità di attività fisica e incoraggiarle di più.

Le persone devono essere fisicamente attive. I governi hanno riconosciuto la necessità di un intervento approvando il piano d’azione globale dell’OMS sull’attività fisica (2018-2030) “, afferma il dott. Bull.

Il piano d’azione, intitolato “Più persone attive per un mondo più sano”, lanciato nel giugno 2018, raccomanda una serie di 20 aree politiche che, combinate, mirano a creare società più attive migliorando gli spazi e i luoghi per l’attività fisica e aumentando i programmi e opportunità per persone di tutte le età per fare più passeggiate, ciclismo, sport, ricreazione attiva, danza e gioco. Il piano è una road map per le azioni necessarie a tutti i paesi utile a ridurre l’insufficienza attività fisica negli adulti e negli adolescenti.

La pubblicazione dello studio anticipa la terza riunione ad alto livello dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite sulle malattie non trasmissibili e i loro fattori di rischio, tra cui l’inattività fisica, che si terrà il 27 settembre 2018 a New York, appuntamento Caratterizzato da una crescente prevalenza dell’inattività fisica e successivi oneri da malattie croniche, come osservato in Cina e in Brasile. Mentre il declino dell’attività fisica professionale e domestica è inevitabile, è essenziale incentivare l’attività fisica a livello di mobilità e trasporti, e nel tempo libero, nelle economie emergenti migliorando le infrastrutture pubbliche e attive di trasporto, promuovendo norme sociali per l’attività fisica attraverso gli sport di massa e la partecipazione a livello scolastico, e implementare programmi sostenibili su vasta scala che potrebbero produrre benefici concomitanti economici, ambientali e sociali promuovendo al tempo stesso l’attività fisica”.