Batticuore

I cambiamenti dello stile di vita riducono la necessità di farmaci per la pressione sanguigna

Gli uomini e le donne con ipertensione hanno ridotto la necessità di farmaci antipertensivi entro 16 settimane dopo aver apportato cambiamenti nello stile di vita, secondo uno studio presentato alla Joint Hypertension 2018 Scientific Sessions dell’American Heart Association, una conferenza annuale incentrata sui recenti progressi nella ricerca sull’ipertensione.

I cambiamenti dello stile di vita sono il primo passo verso la riduzione della pressione arteriosa secondo l’American College of Cardiology / American Heart Association Hypertension Guideline.

Pubblicità e progresso

“Le modificazioni dello stile di vita, tra cui un’alimentazione sana e un’attività fisica regolare, possono ridurre notevolmente il numero di pazienti che necessitano di farmaci per abbassare la pressione sanguigna, in particolare in quelli con pressione arteriosa compresa tra 130 e 160 mmHg sistolica e tra 80 e 99 mmHg diastolica “, ha detto l’autore dello studio Alan Hinderliter, MD, professore associato di medicina presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill.

I ricercatori hanno studiato 129 uomini e donne sovrappeso o obesi di età compresa tra 40 e 80 anni che avevano la pressione alta. Le pressioni ematiche dei pazienti erano tra 130-160 / 80-99 mmHg, ma non stavano assumendo farmaci per abbassare la pressione sanguigna al momento dello studio. Più della metà erano candidati a farmaci antipertensivi all’inizio dello studio, secondo le recenti linee guida.

I ricercatori hanno assegnato a ciascun paziente uno dei tre interventi di 16 settimane. I partecipanti in un gruppo hanno cambiato il contenuto delle loro diete e preso parte a un programma di gestione del peso che includeva la consulenza comportamentale e tre volte l’esercizio settimanale supervisionato. Hanno cambiato le loro abitudini alimentari a quella del piano DASH, un approccio nutrizionale che ha dimostrato di abbassare la pressione sanguigna. DASH enfatizza frutta, verdura e latticini a basso contenuto di grassi e riduce al minimo il consumo di carne rossa, sale e dolciumi. I partecipanti al secondo gruppo hanno cambiato solo dieta, concentrandosi sulla dieta DASH con l’aiuto di un nutrizionista. Il terzo gruppo non ha cambiato il loro esercizio o le proprie abitudini alimentari.

I ricercatori hanno trovato:

  • Coloro che hanno seguito la dieta DASH e partecipato al gruppo di controllo del peso avevano perso in media 8 kg e ridotto la pressione del sangue di una media diastolica di 16 mmHg e di 10 mmHg alla fine delle 16 settimane.
  • Quelli con solo il piano alimentare DASH hanno avuto pressioni ematiche ridotte con una media di 11 mm sistolici / 8 diastolici.
  • Gli adulti che non hanno modificato le loro abitudini alimentari o di esercizio hanno avuto un declino minimo della pressione arteriosa di un valore medio di 3 mm sistolici / 4 diastolici.
  • Alla fine dello studio, solo il 15% di coloro che avevano modificato sia la dieta che le abitudini di esercizio avevano bisogno di farmaci antipertensivi, come raccomandato dalla linea guida AHA / ACC del 2017, rispetto al 23% del gruppo che cambiava la propria dieta. Tuttavia, non vi è stato alcun cambiamento nel bisogno di farmaci tra coloro che non hanno modificato la loro dieta o le loro abitudini di esercizio: quasi il 50% ha continuato a soddisfare i criteri per il trattamento farmacologico.

Hinderliter sospetta che le modifiche allo stile di vita siano utili tanto alle persone con un rischio più elevato di malattie cardiovascolari e nei pazienti che assumono farmaci per l’ipertensione, ma che necessitano di conferma in studi futuri, ha detto.