Mangiare e bere

Perché i giovani adulti sprecano così tanto cibo?

A livello globale, c’è molta attenzione nell’evitare o ridurre la perdita di cibo e gli sprechi alimentari. Ma recenti ricerche hanno dimostrato che i giovani adulti di età compresa tra i 18 e i 24 anni hanno una maggiore tendenza allo spreco rispetto agli altri gruppi di età.

I ricercatori dell’Università dell’Illinois volevano avere un’idea migliore del perché questa fascia di età, in particolare quelli che sono studenti universitari, sono degli spreconi alimentari e come il loro tipo di residenza, fuori o dentro il campus, svolga un ruolo. I risultati di uno studio, pubblicato sulla rivista Appetite, mostrano che durante il periodo di transizione della giovane età adulta, molti dei comportamenti di gestione alimentare che potrebbero prevenire lo spreco alimentare non sono stati ancora appresi.

Pubblicità e progresso

Se gli studenti universitari hanno mangiato tutti i loro pasti nelle sale da pranzo universitarie a volontà, ad esempio, potrebbero non aver ancora imparato a pianificare e fare la spesa per i pasti. Possono anche contribuire altri vincoli come il trasporto e l’ambiente, magari non l’accesso a un frigorifero per conservare gli avanzi.

I risultati dello studio possono informare le strategie per aiutare i giovani ad essere più consapevoli degli sprechi alimentari e adottare comportamenti di gestione alimentare migliori.

Cassandra Nikolaus, specializzanda in scienze alimentari e nutrizione umana presso U of I e autrice principale dello studio, afferma che un altro importante risultato è stato il fatto che molti dei giovani adulti nello studio non hanno visto i loro personali sprechi alimentari come parte del problema generale di perdita e spreco di cibo negli Stati Uniti, né pensavano che cambiare il loro comportamento potesse aiutare il problema.

“Abbiamo colto questo desiderio di deviare.” Non sono io, sono loro, “dice Nikolaus. “Anche con chi vive fuori dal campus, pensando ai negozi di alimentari o ai ristoratori e alle dimensioni delle porzioni che vengono date, e anche se ci siamo concentrati sul comportamento individuale, gli sprechi al dettaglio sono venuti fuori più volte”, dice.

Nikolaus e coautrice dello studio, Brenna Ellison, professore associato presso il Dipartimento di Economia dei consumatori e dell’agricoltura di U of I, hanno condotto gruppi di discussione con giovani adulti di età compresa tra 18 e 24 anni per scoprire di più sulle loro percezioni negli sprechi alimentari e sui loro personali comportamenti. La maggior parte dei partecipanti erano studenti universitari, alcuni dei quali residenti nel campus con accesso alle sale da pranzo universitarie e altri che vivevano fuori dal campus.

Ai partecipanti è stato chiesto, ad esempio, di descrivere i loro pasti tipici e dove sono stati preparati, quanto erano informati sugli sprechi alimentari in America e su come hanno affrontato il cibo avanzato in occasioni specifiche.

Temi simili sono emersi per studenti universitari e non, ma Nikolaus afferma che c’erano differenze nelle percezioni e nei comportamenti tra i partecipanti che vivevano nel campus o fuori.

“Il modo in cui dovremo intervenire per ridurre lo spreco alimentare sarà diverso in base a ciò che i giovani adulti hanno accesso”, spiega Nikolaus. “Una cosa che abbiamo messo in evidenza erano i vincoli ambientali: potremmo dire a uno studente che vive tutto il giorno sul campus di pianificare pasti e spesa, ma quanto fanno gli acquisti se hanno un piccolo frigorifero, e come funziona davvero nel loro schema generale di mangiare? ”

Un tema principale emerso è stato il senso di apatia nei confronti dello spreco di cibo o la tendenza a deviare. Molti partecipanti non erano nemmeno a conoscenza di quanto cibo fosse sprecato, ad esempio, in una sala da pranzo universitaria.

“Molti hanno detto che queste cose sono fuori dal loro controllo”, dice Ellison. “Alcuni partecipanti hanno detto che non era stato loro detto che avevano bisogno di preoccuparsi di questo, si potrebbe dire che non è qualcosa che è stato radicato in loro attraverso l’educazione scolastica come lo sono stati i cambiamenti climatici o il riciclaggio”.

Nikolaus aggiunge: “Abbiamo scoperto che molti partecipanti erano apatici nei confronti degli sprechi alimentari, anche se probabilmente non li inserivano in quelle parole esatte, sentivano di non poter davvero fare nulla per impedirlo”.

Alcuni dei temi potrebbero essere applicati ad altri gruppi di età , ma i ricercatori sono stati in grado di identificare alcuni comportamenti che potrebbero applicarsi in modo specifico ai giovani adulti.

I partecipanti hanno anche offerto idee di intervento per contribuire a ridurre gli sprechi alimentari all’interno della fascia di età. Avere una rappresentazione visiva di quanto stanno effettivamente sprecando e ottenendo un’istruzione in termini di gestione del cibo, cucinare per se stessi, fare la spesa e pianificare, combinato con la gestione finanziaria, è emerso nel focus group .

“Questo genere di cose ricade in qualcosa come il riciclaggio: ci è voluto molto tempo prima che il riciclaggio prendesse piede e le persone capissero perché si doveva farlo”, dice Ellison. “Fare in modo che le persone sappiano cosa stanno perdendo e capire quali sono le conseguenze di ciò è importante: rendere gli sprechi visibili è il primo passo per convincere chiunque a cambiare comportamento , capire che c’è qualcosa che è un problema”, aggiunge Ellison.

I risultati dello studio sono stati utilizzati anche per contribuire a creare una campagna di sensibilizzazione sugli sprechi alimentari nelle sale da pranzo di U of I. “Il modo migliore per informare quella campagna era capire che cosa spinge gli studenti a sprecare, in primo luogo, assicurarsi che progettando materiali educativi i quali abbiano un senso per ciò che questa fascia di età sta pensando correlato allo spreco alimentare. e mettere un grafico gigante misurando i loro rifiuti e rilasciando un feedback. “

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,