Ricerca

I primi batteri intestinali possono avere un effetto duraturo sulla capacità di combattere le malattie croniche

Una nuova ricerca evidenzia che i primi batteri introdotti nell’intestino hanno un impatto duraturo e potrebbe un giorno consentire alla scienza di aggiustare i microbiomi – le comunità microbiche uniche nel loro genere che vivono nei nostri tratti gastrointestinali – per aiutare a scongiurare gravi malattie croniche.

A giudizio di un ecologista microbico Jens Walter e dei suoi colleghi che suggeriscono come le differenze nel nostro patrimonio microbico dipendono probabilmente dall’acquisizione dei primi microrganismi dopo la nascita e l’ordine con cui arrivano nel nostro intestino ha un impatto duraturo nel modo in cui il microbioma appare quando cresciamo.

La scoperta getta nuova luce circa questi microbiomi, che sono tanto personali quanto le impronte digitali, si affermano e ciò che guida la loro natura unica. Questa è la chiave per capire come cambiare i nostri microbiomi per il meglio, ha detto Walter.

“Ognuno di noi ospita un microbioma ampiamente distinto, anche per i gemelli identici. I microbiomi sono importanti per la nostra salute, ma sembrano essere plasmati da molti fattori sconosciuti, quindi è estremamente importante capire perché siamo tutti diversi”, ha detto.

Gli studi hanno già dimostrato che la genetica, la dieta, l’ambiente, lo stile di vita e lo stato fisiologico di una persona apportano piccoli contributi alla variazione del microbioma intestinale . Ma tali fattori rappresentano meno del 30% della variazione, ha osservato Walter.

Nello studio, i ricercatori hanno introdotto distinte comunità microbiche, raccolte una alla volta, da topi adulti nel tratto gastrointestinale di topi giovani geneticamente identici. I risultati hanno mostrato che il microbioma negli adulti era più simile al microbioma introdotto per primo. Anche usando un cocktail di quattro batteri diversi, i ricercatori hanno ripetutamente scoperto che i primi microbi mostravano il più alto livello di persistenza e l’influenza più forte su come si sviluppava il microbioma intestinale.

La scoperta sui tempi avvicina gli scienziati alla comprensione del modo in cui i microbiomi potrebbero scomparire, ad esempio attraverso il parto cesareo o l’uso di antibiotici, ed è quindi più probabile ci predispongano a malattie croniche e su come potenzialmente affrontarle.

La scarsa salute intestinale è stata collegata all’obesità, al diabete di tipo 2, alle malattie cardiache, alle patologie infiammatorie intestinali , al cancro del colon, ai disturbi neurologici, all’autismo e alle allergie.

“Se sappiamo cosa spinge microbiomi specifici in persone specifiche, possiamo avere un approccio molto più razionale per potenzialmente alterare il microbioma e sviluppare strategie per affrontare tali malattie”, ha detto Walter.

“Avere una persistenza a lungo termine dei microbi quando colonizzano l’intestino all’inizio della vita significa che un bioma promuove la salute e potrebbe potenzialmente essere stabilizzato introducendo batteri benefici subito dopo la nascita.”

Le formule per bambini fortificate con i probiotici lo fanno già, ma sapere di più su come i probiotici influenzano gli altri membri della comunità microbica dell’intestino potrebbe portarci al livello successivo, ha detto.

“Potremmo essere molto più sistematici, penso che tra 30 o 40 anni saremo in grado di colonizzare i bambini con specifici batteri che sappiamo promuovere la salute e modellare il microbioma in modo benefico”.

Categorie:Ricerca

Con tag: