Diritti e rovesci

I consumatori sono d’accordo sui benefici dell’assistenza virtuale

I medici e i consumatori concordano sui benefici dell’assistenza virtuale, ma l’adozione da parte dei medici delle tecnologie di assistenza virtuale è bassa, secondo un rapporto sulla Deloitte 2018 Survey of US Physicians.

Il sondaggio è stato completato da 624 medici specialisti e di assistenza primaria statunitensi. Ha valutato l’uso corrente e i piani futuri per le tecnologie di assistenza virtuale, nonché i loro vantaggi e sfide e i potenziali usi di tecnologie specifiche.

Pubblicità e progresso

Secondo il sondaggio, i consumatori e i medici concordano sul beneficio dell’assistenza virtuale. Convenienza e accesso sono citati come importanti vantaggi dai consumatori (64%), mentre i primi tre benefici per i medici sono il miglioramento dell’accesso dei pazienti alle cure, il miglioramento della soddisfazione dei pazienti e il collegamento con pazienti e operatori sanitari (rispettivamente 66, 52 e 45%) ). Mentre solo il 23% dei consumatori ha effettuato visite video, il 57% dei non utenti è disposto a provarle in futuro. Al contrario, solo il 14% dei medici dispone di funzionalità di videochiamata e il 18% prevede di aggiungere questa capacità entro i prossimi due anni. I fattori che contribuiscono a rallentare l’adozione includono la mancanza di rimborsi, i complessi requisiti di licenza e l’alto costo delle tecnologie; affidabilità e sicurezza fanno anche parte dei problemi.

“Riteniamo che con i modelli di rimborsi in continuo mutamento, la crescente domanda dei consumatori e i progressi nelle tecnologie digitali, la cura virtuale sia indispensabile per i sistemi sanitari e ora dovranno aiutare i medici ad adottare le capacità dell’assistenza virtuale”, scrivono gli autori.

Categorie:Diritti e rovesci

Con tag:,