Educazione

L’auto-efficacia nella gestione del diabete differisce per tipo di diabete e genere? Risultati dell’analisi di rete

ipad-605439_960_720

Questo studio condotto dal Dipartimento di Scienze biomediche e neuromotorie, Sezione di Igiene e Biostatistica, Alma Mater Studiorum-Università di Bologna, , Italia, ed ha tra gli autori il professor Uberto Pagotto Direttore dell’Unità di Endocrinologia, Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Ospedale S.Orsola-Malpighi, Alma Mater Studiorum-Università di Bologna, ha analizzato le correlazioni e la pertinenza di elementi di auto-efficacia in 411 pazienti con diabete utilizzando l’analisi di rete. Si è scoperto che la struttura degli oggetti di auto-efficacia è coerente tra i generi e i tipi di diabete. Tuttavia, la forza delle correlazioni degli articoli era significativamente più alta nel diabete di tipo 2. Gli elementi centrali della rete seguivano una dieta regolare nel diabete di tipo 2 e aggiustavano la dieta quando erano malati di diabete di tipo 1. Non sono state trovate differenze significative di genere. La conoscenza degli aspetti più centrali dell’efficacia e delle loro interconnessioni può aiutare i medici a indirizzare gli interventi psicoeducativi mirati a potenziare i pazienti.

La formazione di gruppo per le strategie di autogestione nelle persone con diabete di ambo i tipi è efficace migliorando i livelli di glicemia a digiuno, l’emoglobina glicata e la conoscenza del diabete e riducendo i livelli di pressione arteriosa sistolica, il peso corporeo e il fabbisogno di farmaci antidiabetici.

Gli adulti con diabete di ambo i tipi che hanno partecipato a programmi di training di gruppo mostrano un miglioramento del controllo del diabete (glicemia a digiuno ed emoglobina glicata) e conoscenza del diabete a breve (da quattro a sei mesi) e a più lungo termine (da 12 a 14 mesi) avendo anche una ridotta necessità di farmaci per il diabete. Vi sono anche prove del fatto che i programmi di educazione di gruppo possono ridurre la pressione arteriosa e il peso corporeo e aumentare l’auto-potenziamento, la qualità della vita, le capacità di autogestione e la soddisfazione del trattamento. Tuttavia, poiché solo un piccolo numero di studi ha valutato tali risultati, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare tali risultati.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Health Psychology del 8 ottobre 2018.