Varie

Con l’aumento delle aspettative di vita, aumentano anche le aspettative per un invecchiamento sano

L’invecchiamento sano è una nuova norma, dicono i ricercatori, con gli anziani che hanno un nuovo nome e un nuovo atteggiamento.

La Fontana della Giovinezza può ancora essere un mito, ma una più lunga aspettativa di vita è ora una realtà.

Ma con l’aumento della speranza di vita , sorge una domanda: come fanno le persone a rimanere in buona salute mentre invecchiano? È emerso un nuovo concetto di invecchiamento in buona salute. In effetti, alcuni stanno usando una nuova parola per l’invecchiamento dei baby boomer – “perenni” – per descrivere le persone che vogliono vivere una vita attiva e fiorente verso la vecchiaia.

Cos’è l’invecchiamento in salute? Come membri della rete di ricerca sull’invecchiamento in buona salute , abbiamo ricercato i fattori che influenzano la durata della vita degli americani, i modi per rimanere il più sani possibile e il modo migliore per estendere gli anni in termini di qualità. Prendendo una visione completa, abbiamo definito l’ invecchiamento in buona salute come “lo sviluppo e il mantenimento di un benessere fisico, mentale (cognitivo ed emotivo), spirituale e sociale ottimale e la loro funzione negli anziani”.

Pubblicità e progresso

Ma raggiungere questo è qualcosa di completamente diverso.

Spostamento dei dati demografici, spostamento delle visualizzazioni

Ora conosciamo molti dei fattori che influenzano l’invecchiamento sano – il proprio corredo genetico, la biologia cellulare, i comportamenti di vita, le prospettive personali sull’invecchiamento, l’impegno sociale e l’ambiente – e ci rendiamo conto dell’importanza di considerare l’invecchiamento come il culmine di tutti questi fattori. Nonostante l’accumulo di malattie croniche come l’artrite, la demenza, le malattie cardiache, il diabete o il cancro, l’invecchiamento non è una “malattia”, ma piuttosto un processo che dura tutta la vita dalla nascita alla morte. I determinanti sociali e comportamentali sono spesso più forti predittori di morte prematura rispetto alla propria biologia o assistenza sanitaria.

Eppure, ci sono domande fondamentali su cosa significa invecchiamento negli Stati Uniti e all’estero. Questo è importante da considerare, dal momento che le visioni stereotipate dell’invecchiamento possono essere esse stesse rischi per la salute , poiché la ricerca ha dimostrato che mantenere percezioni negative dell’invecchiamento può ridurre di 7,5 anni la propria vita.

Nei primi anni del 1900, l’ aspettativa di vita alla nascita negli Stati Uniti era inferiore ai 50 anni e solo una percentuale molto piccola di americani viveva fino ai 65 anni.

Di conseguenza, le persone non si aspettavano di vivere fino a tarda età e il concetto di invecchiamento in buona salute era impensabile. Poche persone, compresi gli anziani, gli operatori sanitari oi responsabili delle politiche, potevano immaginare i costi dell’invecchiamento con condizioni croniche per gli individui e la società.

Ora, l’invecchiamento è un fenomeno globale con 962 milioni di persone di 60 anni in tutto il mondo, tra cui circa 78 milioni di nordamericani. Con un’aspettativa di vita media che si aggira attorno agli 80 anni e la possibilità di vivere fino a 125 all’orizzonte, c’è più attenzione ai contributori e alle conseguenze di vivere negli anni ’80, ’90, ‘100 e oltre.

L’invecchiamento della popolazione , le persone anziane che comprendono una quota sempre più grande della popolazione, sta diventando la “nuova normalità” in tutto il mondo. Ciò si traduce in un ridimensionamento di alcuni stereotipi sull’invecchiamento globale come fenomeno che si verifica solo nei paesi più sviluppati. Sebbene il Giappone e i paesi europei abbiano le percentuali più elevate di anziani , i tassi di invecchiamento della popolazione sono effettivamente più alti in molte regioni in via di sviluppo come l’Asia, l’Africa e l’America Latina e hanno enormi implicazioni per il benessere delle popolazioni più anziane. Con una globalizzazione e un’urbanizzazione rapida , le famiglie sono spesso più mobili, le reti di supporto sociale stanno crollando, i sistemi sanitari sono inadeguati e gli  vengono spesso lasciati in villaggi remoti per badare a se stessi o prendersi cura dei bambini lasciati indietro.

Sul versante positivo, negli Stati Uniti possiamo imparare da come alcuni paesi stanno affrontando con successo le loro popolazioni che invecchiano e le condizioni legate all’invecchiamento considerando approcci comunitari “all in” come le comunità amiche della demenza.

Vecchiaia rampante

Nonostante l’aumento della percentuale di persone anziane nella nostra società, molte hanno ancora opinioni stereotipate sull’invecchiamento e considerano gli anziani meno capaci. Spesso, le immagini che ritengono  proprie descrivono l’invecchiamento come sinonimo di fragilità, solitudine e povertà.

Allo stesso modo, le rappresentazioni del super-invecchiamento, come le maratone di 90 anni , riflettono casi estremi che non sono necessariamente la realtà per la maggior parte delle persone di 80, 90 o 100 anni, i gruppi di età che aumentano più rapidamente . L’invecchiamento in buona salute non significa che tutti debbano essere al massimo delle prestazioni in ogni dimensione; piuttosto, significa che tutti dovrebbero vivere la vita al massimo.

Innanzi tutto, è importante combattere l’ageismo in tutte le sue forme che richiede uno spostamento del nostro modo di pensare e delle politiche lontano dagli stereotipi dell’invecchiamento negativo.

Riconoscendo l’invecchiamento come preoccupazione sociale e individuale, è importante identificare azioni concrete a tutti i livelli che possano fare la differenza.

Per un cambiamento su vasta scala, riteniamo che debbano intervenire più settori – servizi per gli anziani, sanità pubblica e assistenza sanitaria – e responsabili politici, operatori sanitari, famiglie e anziani. Riteniamo che sia necessario un maggiore sostegno pubblico che consenta al crescente numero di piante perenni di impegnarsi nelle chiavi ben documentate dell’invecchiamento in buona salute . Questi includono avere un atteggiamento positivo verso l’invecchiamento, essere fisicamente attivi, avere accesso a cibi sani, essere socialmente connessi e vivere in comunità sicure.

A tal fine, diversi gruppi di difesa dell’invecchiamento si sono uniti per creare una campagna di”reframe” o “disgregazione” dell’invecchiamento – sottolineando i suoi aspetti positivi, ma anche riconoscendo le realtà di alcuni cambiamenti legati all’età, come declino delle capacità sensoriali e cronicità delle condizioni.

Un fattore cruciale è ripensare il ruolo delle persone anziane nella società e avere ruoli significativi durante la vita di una persona, siano esse pagate o non retribuite. Dobbiamo combattere le opinioni degli anziani che rendono difficile per i lavoratori più anziani mantenere posti di lavoro ben pagati o trovarne di nuovi se si trovano disoccupati. Come ricercatori, abbiamo visto l’impatto positivo dei programmi basati sull’evidenza per l’autogestione della malattia cronica, l’attività fisica, la prevenzione delle cadute e il miglioramento dello stile di vita per promuovere la salute e l’indipendenza.

La sfida da cogliere

Entro il 2050, ci saranno più di 2 miliardi di persone anziane a livello globale. Entro il 2035, negli Stati Uniti ci saranno più adulti di 65 anni e più di bambini di età inferiore ai 18 anni. Questa trasformazione senza precedenti può portare a proiezioni doom-and-gloom. Mentre questi numeri stanno cambiando i giochi, i dati demografici di invecchiamento non hanno bisogno di essere il destino.

Tali proiezioni possono anche fungere da catalizzatore per l’azione volta a creare una società che valorizzi le persone anziane, promuova ambienti sociali e fisici che favoriscono un invecchiamento sano, incoraggia le comunanze intergenerazionali sui conflitti e incoraggia gli anziani a farsi carico della propria salute. Tuttavia, ciò richiede un impegno per programmi e servizi che aiutano le persone anziane a mantenere la loro salute e funzioalità.

Vogliamo immaginare un mondo in cui le relazioni intime siano considerate naturali a qualsiasi età, la maggior parte delle cadute sono prevenibili, la tecnologia è onnipresente per estendere la salute e il benessere degli anziani e gli assistenti hanno il supporto per mantenere i loro preziosi ruoli. Soprattutto, riteniamo che sia il migliore per la società nel suo insieme se i perenni rimangono effettivamente in ruoli vivaci e produttivi, a casa, nella comunità o al lavoro.

Categorie:Varie

Con tag: