Sport e movimento

Le persone anziane stanno facendo sempre meno esercizio fisico

Uno studio condotto dall’Università di Jaén rivela che le persone di età superiore a 65 anni non fanno abbastanza attività fisica. Gli esperti sottolineano l’importanza di preservare le prestazioni fisiche per prevenire le conseguenze negative dell’invecchiamento.

L’esercizio fisico tra gli anziani previene o ritarda le alterazioni associate all’invecchiamento, prevenendo così la disabilità e la perdita di funzione. Tuttavia, gli over 65 non fanno abbastanza attività fisica.

Pubblicità e progresso

Questa è la conclusione dello studio, che conferma come la popolazione con più di 65 anni sta diventando sempre meno fisicamente attiva. I ricercatori hanno analizzato l’esercizio, i limiti funzionali, l’eccesso di peso e l’obesità, lo stato di salute auto-percepito e i problemi di salute cronica all’interno di quel segmento di popolazione.

Gli esperti hanno utilizzato i dati di 12.546 persone, divisi in tre gruppi di età 65-74, 75-84 e più vecchi di 85 dall’indagine europea sulla salute in Spagna (EHSS), condotta nel 2009 e nel 2014.

I risultati, pubblicati sull’European Journal of Public Health, indicano che i partecipanti nel 2014 hanno mostrato valori peggiori per quanto riguarda l’attività fisica moderata e lo stato di salute auto-percepito rispetto al 2009.

“Dal 2009 al 2014, i livelli di attività fisica degli anziani spagnoli sono diminuiti, mentre l’indice di massa corporea non è aumentato”, spiega Pedro Ángel Latorre Román di Sinc. Questo fatto è coerente con una percezione peggiorata dello stato di salute nel 2014 e con un aumento dei livelli di malattia.

Nel 2014, la percentuale di persone con malattie o problemi di salute cronici era più alta rispetto al 2009, così come la percentuale di anziani con difficoltà gravi che camminavano a 500 metri senza aiuto e limitazioni estreme per salire o scendere le scale a 12 gradini.

Román afferma: “Questi dati sottolineano l’importanza di incorporare programmi di esercizio fisico in una fase precoce dell’invecchiamento per preservare le prestazioni fisiche e prevenire le conseguenze negative dell’invecchiamento.”

Prevenire le conseguenze dell’invecchiamento

L’Europa occidentale ha una delle popolazioni più vecchie del mondo. In Spagna, l’aspettativa di vita è di 78,9 anni per gli uomini e 84,9 anni per le donne. Dato che l’invecchiamento è associato alla fragilità e alla limitazione funzionale, la promozione di un’attività fisica regolare è una delle principali misure non farmaceutiche proposte per gli anziani.

Infatti, numerosi studi hanno dimostrato che l’esercizio moderato tra le persone anziane riduce la mortalità, diminuisce il rischio di demenza, ha un effetto positivo sulla prevenzione delle malattie coronariche, riduce la pressione sanguigna, previene ictus, diabete di tipo 2 e cadute e migliora la qualità della vita.