Educazione

Gli obesi a basso reddito perdono peso grazie all’impiego di una app per smartphone

Con l’aiuto di un’applicazione telefonica gratuita, i pazienti obesi a basso reddito con segni di rischio cardiovascolare hanno perso una quantità di peso clinicamente significativa, lo mostrano nuove ricerche dalla Duke University.

Lo studio è tra i primi a segnalare il successo nella perdita di peso in una popolazione a basso reddito – un gruppo che soffre di tassi di obesità alle stelle ma si è dimostrato difficile da trattare, ha detto l’autore principale Gary Bennett.

Pubblicità e progresso

“L’obesità continua a devastare la salute del nostro paese e abbiamo avuto la maggiore difficoltà nel trattare gli americani a basso reddito, quelli che sono più colpiti dalla condizione”, ha detto Bennett, Bishop-MacDermott Professore di Psicologia e Neuroscienze a Duke University.

“Questo studio dimostra che siamo in grado di aiutare i pazienti più a rischio incorporando il trattamento in strutture di assistenza primaria e mantenendo i pazienti impegnati con una semplice app”.

Nello studio, i pazienti seguiti in una clinica di cure primarie hanno utilizzato un’app gratuita chiamata Track per monitorare i cambiamenti del comportamento. L’app non è stata utilizzata in isolamento: i medici erano ben preparati nell’app e anche i dietisti hanno seguito le chiamate di coaching. I pazienti che hanno utilizzato l’app e ricevuto chiamate di coaching sono andati molto meglio di un gruppo di controllo che ha ricevuto cure di routine.

Tra i partecipanti al programma Track, il 43% ha perso oltre il 5% del proprio peso corporeo nel corso di un anno. Le loro dimensioni di girovita diminuivano, così come la loro pressione sanguigna. E un numero ancora maggiore di partecipanti – il 56% – ha perso almeno il 3% del proprio peso corporeo nell’arco di 12 mesi, che i medici considerano una buona quantità. I risultati sono tra i migliori ottenuti nel trattamento dell’obesità visti in una popolazione medicalmente vulnerabile, ha detto Bennett.

In un momento in cui l’obesità rimane epidemica, la ricerca offre anche prove incoraggianti di un approccio terapeutico che può funzionare in un contesto di assistenza primaria. Questo è importante, poiché le impostazioni di assistenza primaria sono quelle in cui la maggior parte dei pazienti riceve assistenza sanitaria. Tuttavia, le impostazioni di assistenza primaria raramente offrono un trattamento efficace per la perdita di peso e pochissimi studi hanno misurato l’impiego di un’app per la perdita di peso in tale contesto.

I risultati appaiono online il 22 ottobre nell’American Journal of Preventive Medicine .

La maggior parte della ricerca sulla perdita di peso fino ad oggi si è concentrata su persone altrimenti sane che vogliono solo perdere dei chili. Eppure l’obesità molto spesso esiste fianco a fianco con altri problemi di salute. Per questo motivo, i ricercatori si sono concentrati su persone obese che erano malate: oltre all’obesità, i partecipanti allo studio soffrivano di ipertensione, colesterolo alto o diabete tipo 2.

“La maggior parte di ciò che sappiamo sul trattamento dell’obesità si basa su persone ragionevolmente sane e fortemente motivate a perdere peso”, ha affermato Bennett. “Abbiamo dimostrato la capacità di promuovere una perdita di peso clinicamente significativa tra i pazienti che hanno più bisogno di aiuto, quelli con bassa motivazione che hanno già i rischi per la salute associati all’obesità”.

Lo studio si è svolto in un’area prevalentemente rurale. Per Bennett, i risultati positivi suggeriscono che i trattamenti di obesità digitale possono aiutare a colmare il divario tra cure per l’obesità in contesti sia urbani che rurali.

“I trattamenti digitali ci consentono di raggiungere le impostazioni più remote per offrire un’assistenza di alta qualità”, ha affermato Bennett. “L’espansione dei servizi a banda larga per tutti gli americani dovrebbe essere una priorità per la salute pubblica”.