Mangiare e bere

Gli integratori di dragoncello possono far ingrassare le donne sane

La condirettrice del Centro di ricerca sugli integratori alimentari botanici del Centro di ricerca biomedica del Pennington, Elizabeth Floyd, ha condotto uno studio il quale ha dimostrato che i topi femmina non beneficiano tanto quanto i maschi degli estratti dal dragoncello russo e dal melone amaro.

Supplementi di dragoncello russo e melone amaro possono essere meno utili per le donne rispetto agli uomini quando si tratta di combattere la sindrome metabolica, i cui sintomi includono glicemia alta, pressione alta e grasso in eccesso intorno alla vita.

Uno studio pubblicato sulla rivista Biology of Sex Differences ha scoperto che i topi femmina con una dieta ricca di grassi hanno ricevuto integratori di Artemisia dracunculus L. (dragoncello russo) guadagnando più peso e grasso corporeo rispetto a quelli che mangiavano solo una dieta ricca di grassi. Tuttavia, i topi femmina non diventati obesi o in sovrappeso.

Pubblicità e progresso

Non ci sono stati cambiamenti di peso o percentuali di grasso corporeo tra i topi femmina in diete ad alto contenuto di grassi che hanno ricevuto integratori di Momordica charantia (melone amaro).

“I nostri studi sui topi hanno sempre utilizzato maschi obesi e insulino-resistenti a seguito di una dieta ricca di grassi”, ha detto Elizabeth Floyd, Ph.D., condirettore della divisione supplementi dietetici botanici della Pennington Biomedical Center. “In questo studio, abbiamo esaminato topi femmina sulla stessa dieta ad alto contenuto di grassi e abbiamo chiesto se un estratto dal dragoncello russo o dal melone amaro avesse gli stessi effetti metabolici positivi nelle femmine, come abbiamo sempre visto nei topi maschi.”

Le prime indicazioni mostrano che i topi femmina non hanno beneficiato tanto quanto i maschi dei due estratti.

“A differenza dei maschi, le femmine non hanno migliorato la sensibilità all’insulina, e i dati suggeriscono che i fegati delle femmine hanno risposto agli estratti botanici producendo più glucosio o zucchero nel sangue “, ha detto la dott.essa Floyd.

Sebbene i fegati dei topi femmine producessero più zucchero nel sangue, sia il dragoncello russo che il melone amaro riducevano il contenuto di grasso nei fegati dei topi. L’accumulo di grasso nel fegato è associato all’insulino-resistenza e pone una seria preoccupazione per la salute se associato all’obesità.

I risultati dello studio sono importanti perché le donne che hanno un peso normale e generalmente in buona salute rappresentano una parte importante della popolazione che assume integratori alimentari. Il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa ha fornito alcuni fondi per la ricerca.

“Il centro sostiene la ricerca sugli integratori alimentari perché molti di noi stanno assumendo questi supplementi, e non sono sempre noti i benefici per la salute e i potenziali problemi di salute associati agli integratori”, ha detto la Floyd.

Ci sono alcune limitazioni ai risultati dello studio.

I topi femmina non sono diventati obesi con la dieta ad alto contenuto di grassi , ha detto la dottoressa Floyd. Ciò potrebbe essere dovuto ai livelli di attività molto più elevati delle femmine rispetto ai topi maschi alimentati con la stessa dieta .

“Poiché le femmine sono rimaste di peso normale, è possibile che i benefici degli estratti botanici vengano osservati solo con l’obesità”, ha affermato la Floyd. “Stiamo conducendo studi per rispondere a questa domanda, ma i risultati potrebbero anche evidenziare importanti differenze dipendenti dal sesso nel modo in cui gli uomini e le donne rispondono agli integratori alimentari, in particolare se le donne non sono sovrappeso o obese”.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: