Complicanze varie/eventuali

T1DM ad insorgenza tardiva ed età avanzata indica il rischio di ulteriori malattie autoimmuni

Il diabete di tipo 1 (T1DM) è associato ad altre malattie autoimmuni (AID), che possono avere gravi conseguenze sulla salute. L’epidemiologia degli AID in T1DM non è ben definita negli adulti con DM1. In questo studio di coorte cross-sectional, si è cercato di caratterizzare l’età degli incidenti e la prevalenza di AID negli adulti con T1DM in un ampio spettro di età.

Un totale di 1.212 adulti visitati al Washington Diabetes Center dal 2011 al 2018 ha fornito il consenso informato per la raccolta dei dati relativi all’età, al sesso, alla razza e alla malattia. Sono state eseguite analisi associative accoppiate sulla base dell’età di insorgenza di T1DM. La regressione logistica multivariata è stata utilizzata per valutare gli effetti indipendenti di sesso, razza, età di insorgenza  e durata del T1DM sulla prevalenza di un ulteriore AID.

Pubblicità e progresso

L’età media dell’inizio di T1DM era di 21,2 ± 14,4 anni. L’incidenza e la prevalenza di AID sono aumentate con l’età. Il sesso femminile predice fortemente il rischio di AID. Gli AID più comuni associati al T1DM erano la tiroide, le malattie vascolari del collagene e l’anemia perniciosa. L’età di inizio del T1DM e la durata del T1DM hanno predetto il rischio di AID. I pazienti con T1DM a insorgenza tardiva dopo i 30 anni presentavano maggiori rischi di sviluppare ulteriori AID rispetto ai pazienti con insorgenza di T1DM più giovane.

La prevalenza di AID nei pazienti con T1DM aumenta con l’età e il sesso femminile. L’insorgenza successiva di T1DM è un fattore di rischio indipendente e significativo per lo sviluppo di ulteriori AID. Gli individui a cui viene diagnosticata la T1DM in età avanzata, in particolare le donne, devono essere monitorati per altre condizioni autoimmuni.

Lo studio è pubblicato sulla rivista scientifica Diabetes Care del 25 ottobre 2018.