Mangiare e bere

Importanti lacune nella comprensione dei livelli di assunzione di nutrienti dei bambini europei

Solo un terzo dei paesi europei ha una robusta segnalazione delle assunzioni di nutrienti per bambini e adolescenti, nuove ricerche lo mostrano. Ciò evidenzia la potenziale mancanza di dati per informare la progettazione e il monitoraggio delle politiche nutrizionali in alcune parti dell’Europa.

Per comprendere meglio i livelli di energia e le assunzioni di nutrienti attualmente consumate dai bambini europei, un gruppo internazionale guidato dall’Università di Leeds, in collaborazione con l’Ufficio regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ha esaminato le indagini nazionali sulla dieta dei 53 Stati membri europei. Hanno trovato che la maggior parte delle lacune segnalanti risiedevano nei paesi dell’Europa centrale e orientale, il che significa come potenziali problemi nutrizionali in alcuni paesi potrebbero non essere rilevati o sottostimati.

Pubblicità e progresso

L’autrice principale, Holly Rippin, ricercatrice post-laurea presso la School of Food Science and Nutrition, ha dichiarato: “La mancanza di dati disponibili sull’assunzione di nutrienti dei bambini è preoccupante, rende estremamente difficile identificare i gruppi vulnerabili, confrontare l’assunzione di nutrienti tra paesi e fornire prove per politiche che potrebbero migliorare la salute, è come cercare di descrivere un acquerello complesso quando non sono state ancora dipinte ampie sezioni “.

Lo studio, pubblicato oggi su Nutrition Research Reviews, mostra:

  • Solo il 30% circa dei paesi ha riportato i dati sull’assunzione di sostanze nutritive per genere e fascia di età per bambini e adolescenti.
  • I gruppi di età variavano tra le contee e diverse di queste non riportavano nutrienti in tutte le fasce d’età o riportati su diversi tipi di nutrienti.
  • Molti paesi non hanno separato le quantità di assunzione per ragazze e ragazzi nelle fasce di età più giovani.

Holly Rippin ha dichiarato: “La nostra valutazione ha anche mostrato una quantità significativa di sottostima, il che significa che alcuni problemi legati all’alimentazione, come le carenze o il consumo eccessivo, potrebbero essere sottovalutati e forse solo la punta dell’iceberg con così tanti dati sconosciuti in determinati paesi.”

Il piano d’azione europeo per l’alimentazione e la nutrizione dell’OMS incoraggia gli Stati membri a rafforzare ed espandere le indagini nutrizionali a livello nazionale. Tuttavia, l’offerta nazionale di sondaggi dietetici in Europa è incoerente e meno di due terzi dei paesi europei dell’OMS hanno sondaggi dietetici rappresentativi a livello nazionale.

Holly Rippin ha aggiunto: “Dati insufficienti e l’incapacità di confrontare paesi e fasce d’età evidenzia la pressante necessità di dedicare risorse alla sorveglianza alimentare e di armonizzare metodologie e approcci nella segnalazione dei nutrienti in tutta la regione europea dell’OMS.

“La preoccupazione è che sia estremamente difficile progettare politiche nutrizionali adeguate e localmente appropriate in paesi che non dispongono di dati sufficienti. I dati robusti e facilmente accessibili sono fondamentali per adattare le politiche alle esigenze nazionali e migliorare le diete in tutta Europa”.

A corto di assunzione di nutrienti raccomandati dall’OMS

Il team ha valutato i dati disponibili limitati dai sondaggi sulla dieta nazionale contro l’assunzione di nutrienti raccomandati dall’OMS. Mentre la segnalazione incoerente all’interno dei paesi ha ostacolato i confronti, lo studio ha identificato alcune aree chiave di preoccupazione e in particolare rileva che l’assunzione media per bambini segnalati nella maggior parte dei paesi, incluso il Regno Unito, non ha soddisfatto la maggior parte delle assunzioni di nutrienti raccomandate dall’OMS.

La co-autrice Janet Cade, professore di epidemiologia nutrizionale e salute pubblica a Leeds, ha dichiarato: “I nostri risultati indicano che un approccio politico su scala europea potrebbe migliorare l’assunzione di ferro, vitamina D e folato totale riducendo allo stesso tempo l’assunzione di sodio e zuccheri liberi. Un focus sull’assunzione di ferro e vitamina D sarebbe particolarmente vantaggioso per le ragazze e i bambini di età superiore ai 10 anni.

“Il ferro è un problema particolare per le adolescenti: i dati dell’indagine mostrano bassi livelli di assunzione di ferro nella grande maggioranza dei paesi, mentre le adolescenti continuano ad essere maggiormente a rischio di anemia da carenza di ferro, associata a una ridotta funzione intellettuale e immunitaria.

“Sebbene sia richiesta una varietà di prove per informare gli interventi nazionali, un’identificazione accurata delle tendenze alimentari chiave potrebbe aiutare a prevenire carenze nutrizionali infantili i quali possono causare problemi di salute che si estendono fino all’età adulta”.

Il piano d’azione europeo per l’alimentazione e la nutrizione dell’OMS identifica già alcune delle sostanze nutritive evidenziate nella relazione come aree di preoccupazione, quali ferro e vitamina D, sebbene si riferisca a tutte le età piuttosto che specificamente ai bambini. Il piano d’azione prevede anche la promozione di diete sane attraverso la riduzione di sodio, grassi saturi e zuccheri liberi.

La co-autrice, la dottoressa Jayne Hutchinson, anche’essa della School of Food Science and Nutrition di Leeds, ha dichiarato: “Il piano d’azione europeo sull’alimentazione e la nutrizione dell’OMS sta facendo uno sforzo concentrato per migliorare l’apporto di nutrienti in tutta Europa e identificare eventuali ulteriori aree di interesse. una parte importante del progresso di questi sforzi.

“La nostra ricerca mostra che ci sono ancora altre aree di interesse che devono essere meglio comprese e affrontate, come i grassi omega per i quali le assunzioni riportate sono basse. I grassi Omega hanno importanti funzioni per la salute e gli studi suggeriscono che potrebbero aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache e depressione.

“Identificare queste tendenze consente di sviluppare politiche e orientamenti mirati, ad esempio incoraggiando l’educazione pubblica sulle fonti di grassi omega.

“Nonostante l’attuale mancanza di dati, le indagini nutrizionali e sanitarie nazionali rimangono la migliore fonte di informazioni sui fattori di rischio alimentari ed è vitale che gli enti governativi e sanitari continuino a investire e migliorare gli sforzi per condurre sondaggi dietetici nazionali in un formato standardizzato per gamma di assunzione di sostanze nutritive. ”

Il Dr. Joao Breda dell’OMS Europa ha affermato: “Le indagini dietetiche dovrebbero essere la base per tutte le politiche nutrizionali in un paese e in molti casi i nostri sforzi per sostenere i paesi nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile sono limitati dalla mancanza di dati.

“L’impegno dei paesi e dei finanziatori a sostenere la migliore disponibilità di dati sull’assunzione di alimenti aiuterà la comunità a indirizzare politiche e interventi per sradicare tutte le forme di malnutrizione, comprese le rimanenti sacche di malnutrizione nella regione e l’aumento dei sovrappeso e diete malsane.”

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,