Mangiare

Diete ricche di pesce possono stimolare lo sviluppo del cervello dei bambini

fish (1)

Le donne potrebbero migliorare lo sviluppo della vista e della funzione cerebrale del loro bambino non ancora nato mangiando regolarmente pesce grasso durante la gravidanza. Questo è il suggerimento di uno studio su piccola scala condotto da Kirsi Laitinen dell’Università di Turku e dall’Ospedale universitario di Turku in Finlandia, nella rivista Pediatric Research a marchio Springer Nature.

La ricerca supporta risultati precedenti che mostrano quanto sia importante la dieta e le scelte di vita di una futura madre per lo sviluppo del suo bambino. Secondo Laitinen, la dieta di una madre durante la gravidanza e l’allattamento al seno è il modo principale in cui preziosi acidi grassi polinsaturi a catena lunga diventano disponibili per un feto e cervello infantile durante il periodo di massima crescita cerebrale lungo i primi anni di vita di un bambino. Tali acidi grassi aiutano a modellare le cellule nervose che sono rilevanti per la vista e in particolare la retina. Sono anche importanti nel formare le sinapsi che sono vitali nel trasporto di messaggi tra i neuroni nel sistema nervoso.

In questo studio, Laitinen e i suoi colleghi hanno analizzato i risultati di 56 madri e dei loro figli tratti da uno studio più ampio. Le madri hanno dovuto tenere un diario alimentare regolare durante la gravidanza. Sono state prese in considerazione le fluttuazioni del loro peso prima e durante la gravidanza, insieme al loro livello di zucchero nel sangue e alla pressione sanguigna. Sono stati osservati anche aspetti come il fatto che fumassero o sviluppassero diabete correlato alla gravidanza.

Il team ha registrato i livelli di fonti di acidi grassi polinsaturi a lunga catena nutrizionale nella dieta e nel siero di sangue della madre e i livelli nel sangue dei loro bambini entro l’età di un mese. I loro figli sono stati ulteriormente testati intorno al loro secondo compleanno utilizzando potenziali evocati visivi di inversione del pattern (pVEP). Questo metodo sensibile e accurato, non invasivo, viene utilizzato per rilevare il funzionamento visivo e i cambiamenti maturativi che si verificano all’interno del sistema visivo di un bambino. Le analisi successive dei risultati dei test visivi hanno rivelato che i bambini le cui madri mangiavano pesce tre o più volte alla settimana durante l’ultimo trimestre della loro gravidanza andavano meglio di quelli le cui madri non mangiavano pesce o solo fino a due porzioni alla settimana. Queste osservazioni sono state ulteriormente documentate quando è stato valutato lo stato dell’acido grasso fosfolipidico nel siero.

“I risultati del nostro studio suggeriscono che il consumo frequente di pesce da parte delle donne incinte è benefico per lo sviluppo del loro bambino non ancora nato, ciò può essere attribuibile agli acidi grassi polinsaturi a catena lunga all’interno del pesce, ma anche ad altri nutrienti come la vitamina D ed E , che sono anche importanti per lo sviluppo “, spiega Laitinen. “Il nostro studio sottolinea quindi la potenziale importanza di sottili cambiamenti nella dieta di donne sane con gravidanze senza compromessi, oltre alla prematurità o carenze nutrizionali, nella regolazione del neurosviluppo infantile”, aggiunge Laitinen, che ritiene come i loro risultati dovrebbero essere incorporati nel counselling dato alle donne in gravidanza sulla loro dieta.

Categorie:Mangiare

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.