sport e movimento

Ho corso la maratona: questo è ciò che è successo al mio corpo

La maratona è stata a lungo considerata l’ultima prova della resistenza umana. Ma gli ultimi decenni hanno visto crescere il numero di corridori che affrontano regolarmente distanze le quali superano in termini di estensione chilometrica la tradizionale maratona. Le cosiddette gare di “ultra maratona” competizioni da 35 miglia (56 km) a 100 miglia (160 km) – e occasionalmente oltre – in un’unica fase.

Questa volta ho scelto di avventurarmi per 100 miglia lungo la North Downs Way. Questo è un sentiero pubblico che si estende da Farnham sulle colline del Surrey ad Ashford nel Kent, con una moderata salita cumulativa di 10.000 piedi. Attraversando il percorso nella sua interezza, alla fine mi ci sarebbero voluti 26 ore e circa 215.000 passi.

Prima che potessi tentare la sfida, c’era il piccolo compito nella fase preparatoria – fisicamente e mentalmente – le sue diverse e numerose necessità. Da una base di maratona, ho preparato per circa sei mesi, allenandomi otto volte a settimana. Questo comprendeva da cinque a sei percorsi di varia distanza su terreni diversi, accumulando verso l’alto di 50-60 miglia a settimana. Ho anche incorporato sessioni di forza per sviluppare la mia robustezza generale e preparare la pista ondulata.

Un allenamento ad alto chilometraggio può drenare il corpo dai nutrienti vitali, quindi la mia nutrizione doveva essere completa e mirata. Ho dato la priorità al fabbisogno giornaliero di proteine (140 g al giorno) e mangiato molta frutta e verdura. I carboidrati nella dieta possono essere manipolati per promuovere l’adattamento di resistenza – come la mia capacità di bruciare i grassi quale fonte di energia – così ho moderato la mia assunzione e l’ho allineata ai fabbisogni quotidiani. Con il passare delle settimane e dei mesi, la mia fisiologia è cambiata e sono diventato più forte, più in forma e più snello.

Instinto viscerale

Secondo il mio monitor della frequenza cardiaca , raggiungere il traguardo mi è costato 11.000 calorie. Fin dall’inizio della corsa, i miei muscoli mostravano una fame inesorabile di energia, e soddisfare la domanda significava mangiare 200-400 calorie all’ora – il che divenne sempre più difficile man mano che la corsa progrediva.

Con l’afflusso di sangue del mio corpo incanalato verso i muscoli che si esercitavano – e lontano dall’intestino – il mio apparato digerente cominciò a chiudersi a circa 60 miglia. Quando ciò accade, il cibo che mangi si svuota più lentamente dallo stomaco.  Si siede  nell’intestino causando sintomi di disagio gastrointestinale (GI) – inclusi crampi allo stomaco, nausea e malattia. Questi sintomi aumentano con la distanza della corsa e sono spesso una ragione citata per il mancato completamento di una gara.

I miei sintomi sono stati intensificati dal crollo dei livelli di zucchero nel sangue, causato dall’incapacità di mangiare o bere – un circolo vizioso. Sono arrivato alla stazione di rifornimento da 60 miglia e ho forzato con energia la forza prima di andare avanti. Ma a 30 ° C di calore, circa il 35% dei concorrenti finirebbe per soccombere a difficoltà o disidratazione. Will solo può portarti così lontano.

Danno permanente?

Ero anche a rischio di danneggiare significativamente i miei muscoli e le articolazioni. Quando si percorre una pista ondulata, in realtà sono le sezioni in discesa che causano il maggior danno, perché i muscoli si stanno allungando sotto carico. Mentre combatti per rallentare la discesa contro la forza di gravità, le tue fibre muscolari si strappano letteralmente a livello microscopico, causando l’accumulo di marcatori di danno cellulare nel sangue. Questa stanchezza periferica provoca un paradosso: inizi a guardare in avanti le sezioni in salita.

Ma c’è di più per i danni muscolari rispetto al disagio superficiale. Inoltre provoca una risposta infiammatoria generalizzata nel corpo, innescando una soppressione transitoria del sistema immunitario nell’organismo. Questo, a sua volta, è pensato per aumentare l’incidenza dell’infezione del tratto respiratorio superiore . Non è raro sviluppare un naso che cola, tosse e mal di gola nei giorni o nelle settimane che seguono una gara, come ho fatto io entro una settimana dai cento.

C’è anche il rischio di inciampare e cadere, amplificato dalla crescente stanchezza e dalla privazione del sonno. La mia amica Caroline ha corso con me per 75 miglia, e sopportato il peggio della tensione fisiologica, solo per fare una caduta nel buio e rompersi la gamba su una roccia sporgenza dal terreno, costringendola a ritirarsi.

Problemi di cuore

C’è una ricerca emergente che suggerisce comela partecipazione a lungo termine nelle ultra-maratone può aumentare il rischio di complicanze cardiovascolari. Il mio collega di ricerca Scott Chiesa, dell’UCL Institute of Cardiovascular Science, spiega: “La gravità dell’esercizio ultra-endurance potrebbe tradursi in adattamenti a lungo termine più comunemente legati alle malattie, tra cui cambiamenti strutturali e funzionali nel cuore e nel vasi , cambiamenti elettrici nei nervi cardiaci e possibili danni al tessuto cardiaco. ”

Ho finito la gara con uno “sprint” lungo gli ultimi 100 metri.  C’è voluto quasi un mese prima che mi sentissi di nuovo “normale”.

La ricerca ha dimostrato che la maggior parte dei partecipanti si avvicina alle ultra-maratone come mezzo di realizzazione personale , nonostante la sua popolarità come sport competitivo. Per me, le difficoltà fisiche e mentali valevano la pena, e mi sento orgoglioso e contento di ciò che ho raggiunto. Naturalmente, la partecipazione non è esente da rischi – ma maggiore è l’avversità maggiore è la ricompensa.

Categorie:sport e movimento

Con tag:,