Complicanze varie/eventuali

Identificazione dei predittori della nefropatia nelle urine di bambini con una recente diagnosi di diabete di tipo 1

diabetes (1)

Nonostante i progressi della ricerca, la possibilità di prevedere con precisione il rischio di nefropatia diabetica (DN) è ancora scarsa. Finora, la prima evidenza di DN è la micro-albuminuria, che viene rilevata solo 10-20 anni dopo l’inizio del diabete.  L’obiettivo posto dai ricercatori del Diabetes Research Institute (DRI) Istituto Scientifico San Raffaele, Milano, Italia è rivolto a sviluppare nuovi strumenti predittivi di nefropatia a partire dalle urine, che possono essere facilmente ottenuti utilizzando procedure non invasive ed è direttamente correlato al rene. Dal momento che è ragionevole supporre che, nei pazienti predisposti, i meccanismi che portano alla nefropatia inizino ad agire dall’esordio del diabete, l’urina dei bambini con diagnosi recente di diabete di tipo 1 è stata sottoposto ad analisi proteomica rispetto ai controlli di età corrispondente. La conferma mirata è stata eseguita su bambini con una storia più lunga di diabete utilizzando Western Blotting e applicando un approccio lipidomico urinario. Per comprendere definitivamente se le alterazioni osservate potrebbero essere correlate alla nefropatia diabetica, è stata esaminata anche l’urina di adulti diabetici con o senza albuminuria. Per la prima volta, i metabolismi lipidici di prostaglandina e ceramide, che sono significativamente e specificamente modificati in associazione con DN, sono già stati modificati in bambini con una recente diagnosi di diabete. Sono necessari studi futuri su coorti più ampi per migliorare la validità e la generalizzabilità di questi risultati.

La nefropatia è una complicanza diabetica molto comune. Una volta stabilita, la sua progressione può essere rallentata, ma in pochissimi casi si ottiene il pieno controllo o la remissione, ponendo così un grande onere sulla salute mondiale. La prima evidenza di nefropatia diabetica (DN) è la micro-albuminuria, ma solo il 30% dei pazienti con micro-albuminuria progredisce fino alla proteinuria, mentre in alcuni pazienti ritorna spontaneamente alla normo-albuminuria. Pertanto, vi è la chiara necessità di biomarcatori che possano prevedere con precisione il rischio di sviluppare DN. Qui, applicando approcci proteomici e lipidomici su campioni di urina, mostriamo che l’alterazione del metabolismo della prostaglandina e della ceramide si verifica specificamente in associazione con DN. 

Pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Proteomics del 24 ottobre 2018.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.