Tecno

Il pancreas artificiale conferma la riduzione del rischio ipoglicemico nel diabete tipo 1

Un esempio di una interfaccia utente del pancreas artificiale. Credit: UVA Salute

Il sistema di somministrazione di insulina a “ciclo chiuso” – pancreas artificiale offre un migliore controllo della glicemia, un ridotto rischio di ipoglicemia.

Una nuova ricerca presentata alla riunione annuale di quest’anno dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) a Berlino, in Germania, e pubblicata su The Lancet , mostra che l’uso di un sistema di somministrazione di insulina a ciclo chiuso giorno-notte è migliore del solo sensore -con microinfuore d’insulina nellaterapia  del diabete di tipo 1 mal controllato. Lo studio, finanziato dalla JDRF, è del Dr. Roman Hovorka, dell’Università di Cambridge Metabolic Research Laboratories, Wellcome Trust-MRC Institute of Metabolic Science, Addenbrooke’s Hospital, Cambridge, Regno Unito e colleghi.

La terapia con pompa potenziata dal sensore combina con la tecnologia di una pompa per insulina un  monitoraggio del glucosio continuo che trasmette le letture della glicemia  alla persona che indossa il dispositivo. In tali sistemi, la persona che porta il device è responsabile di prendere tutte le decisioni di dosaggio dell’insulina.
I sistemi di erogazione di insulina a ciclo chiuso (noti anche come   “pancreas artificiale”) portano la tecnologia al livello successivo integrando il monitoraggio continuo del glucosio con una pompa per insulina e un algoritmo che automatizza la somministrazione di insulina. I sistemi ibridi a ciclo chiuso sono caratterizzati dalla coesistenza della somministrazione automatica di insulina (tramite l’algoritmo) e dalla somministrazione di insulina avviata dall’utente, ad esempio, fornendo dei boli per i pasti. Nel 2017, il primo sistema ibrido a ciclo chiuso è entrato in uso clinico sulla base di uno studio registrativo a braccio singolo non randomizzato di sicurezza.
Lo studio ha assegnato a caso i soggetti (44 maschi, 42 femmine) con diabete di tipo 1 di età pari o superiore a 6 anni (paziente più anziano aveva 65 anni) trattato con pompa per insulina e con controllo glicemico subottimale (emoglobina glicata HbA1c 7 · 5% al ??10% ) per ricevere una terapia ibrida a ciclo chiuso (N = 46; pazienti) o una terapia con pompa potenziata da sensori (N = 40; controllo) per 12 settimane di vita senza restrizioni. L’addestramento alla pompa di insulina e il monitoraggio continuo del glucosio sono stati effettuati durante un periodo di rodaggio di 4 settimane durante lo studio.
La proporzione di tempo in cui il glucosio era nell’intervallo target tra 3 · 9 e 10 · 0mmol / l era significativamente più alta nel gruppo a circuito chiuso (65%) rispetto al gruppo di controllo (54%). Nel gruppo ad anello chiuso, l’emoglobina glicata (HbA1c – una misura del controllo della glicemia media recente) è stata ridotta da un valore di screening dell’8,3% all’8,0% dopo l’allenamento e del 7,4% dopo lo studio. Nel gruppo di controllo questi valori erano 8,2%, 7,8% e 7,7%; le riduzioni dei livelli di HbA1c erano significativamente maggiori nel gruppo a circuito chiuso rispetto al gruppo di controllo (differenza media nella variazione di 0,36%).
Il tempo trascorso con livelli di glucosio inferiori a 3 · 9 mmol / l (molto bassi livelli di zucchero nel sangue o ipoglicemia) era una mediana di 12 minuti inferiore nel gruppo a ciclo chiuso; e il tempo trascorso al di sopra di 10 · 0mmol / L (iperglicemia) era una mediana di 2 ore e 24 minuti più bassa nel gruppo ad anello chiuso. La proporzione del tempo trascorso in queste condizioni pericolose nel complesso è stata del 3,5% al ??basale nel gruppo a ciclo chiuso, che è sceso a una media del 2,6% dopo lo studio. Nel gruppo di pompe con sensore aumentato questo è aumentato dal 3,3% al basale al 3,9% dopo lo studio.
La dose giornaliera totale di insulina non era diversa e il cambio di peso corporeo non differiva significativamente tra i gruppi. Non si è verificata alcuna grave ipoglicemia, tuttavia una chetoacidosi diabetica si è presentata  nel gruppo a ciclo chiuso a causa dell’insuccesso dell’insufficienza cardiaca.
Gli autori concludono: “L’uso della somministrazione di insulina a ciclo chiuso ibrido giorno e notte migliora il controllo glicemico riducendo il rischio di ipoglicemia negli adulti, negli adolescenti e nei bambini con diabete di tipo 1 rispetto alla terapia con pompa convenzionale o alla terapia con pompa potenziata da sensori. I risultati del nostro studio insieme a quelli di precedenti indagini supportano l’adozione della tecnologia a ciclo chiuso nella pratica clinica in tutte le fasce d’età. ”
“Lo studio del dott. Hovorka è significativo in quanto si aggiunge alla sempre crescente quantità di prove che dimostrano come i sistemi di somministrazione di insulina a ciclo chiuso migliorano i risultati e riducono l’onere per le persone con diabete di tipo 1”, ha dichiarato Daniel Finan, Research Director presso JDRF, che ha supportato lo studio. “In particolare, questo lavoro  dimostra che le persone con diabete le quali  hanno un controllo sub-ottimale possono trarre grandi benefici da tale tecnologia.”
Rachel Connor, Director of Research Partnerships presso JDRF nel Regno Unito (che ha sostenuto lo studio), ha dichiarato: “Questi sono grandi risultati. Mi congratulo con il professor Hovorka per il lavoro vitale che sta svolgendo. Il diabete di tipo 1 è una condizione difficile, ma questi risultati portaci un passo avanti nel cambiare la vita di milioni di persone che vivono con la condizione in tutto il mondo “.