Emozioniamo

“L’ansia e il diabete di tipo 1 sono come cugini”: l’esperienza dei sintomi di ansia in gioventù con diabete di tipo 1

Il diabete di tipo 1(T1D) è una delle condizioni di salute croniche più comuni negli Stati Uniti, e la sua incidenza è in aumento in tutto il mondo. I giovani con T1D sono ad alto rischio di comorbilità psicologica, ad esempio ansia, depressione e disturbi alimentari. Comorbidità psicologiche, in particolare i sintomi di ansia, sono stati correlati con esiti peggiori del diabete, ma i sintomi di ansia non sono ben studiati in questi giovani. Lo scopo principale di questo studio era di descrivere l’esperienza dei sintomi di ansia in gioventù con T1D, specialmente perché questi sintomi si riferiscono a compiti di autogestione del diabete.

I ricercatori della Yale University School of Nursing, West Haven, Connecticut hanno utilizzato un approccio descrittivo qualitativo, consistente in un colloquio approfondito e semi-strutturato comprendente 10 domande a risposta aperta con sonde di follow-up. L’analisi è stata guidata dai principi dell’analisi tematica. Dati demografici, livelli di emoglobina A1c, e sono stati raccolti e analizzati anche i dati dell’indagine sull’influenza dello stato di trait di condizione per i bambini, con l’identificazione di quattro temi e sette sotto-temi.

I partecipanti (n = 29, età 10-16, 55% donne) hanno riferito che il T1D era un ulteriore livello di responsabilità che richiedeva molto tempo alla loro capacità di partecipare pienamente ad altri aspetti della vita. Alcuni partecipanti sono stati in grado di integrare la gestione del diabete nelle loro vite, mentre altri no. Alcuni partecipanti erano dipendenti dai genitori e dall’infermiere scolastico per la gestione del diabete. I partecipanti hanno descritto due tipi di sintomi di ansia, generali e specifici del diabete, e notato che la loro esperienza di ansia era associata a scarsa qualità del sonno, fattori generali di stile di vita e diabete.

Lo studio è pubblicato su Research in Nursing and Health del 30 ottobre 2018.

Categorie:Emozioniamo

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.