Reni

Un sonno più breve può portare alla disidratazione

Gli adulti che dormono solo sei ore a notte – a differenza di otto – possono avere una maggiore probabilità di essere disidratati, secondo uno studio della Penn State.

Questi risultati suggeriscono come coloro che non si sentono bene dopo una notte di sonno insufficiente possono prendere in considerazione la disidratazione – non semplicemente la qualità del  sonno – come causa, e bere più acqua.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista SLEEP il 5 novembre.

I ricercatori hanno osservato come il sonno influisce sullo stato ed il rischio di disidratazione negli adulti statunitensi e cinesi. In entrambe le popolazioni, gli adulti che riferivano di aver dormito sei ore avevano urina significativamente più concentrata e il 16-59% di probabilità in più di essere inadeguatamente idratati rispetto a coloro che dormivano regolarmente otto ore durante la notte.

La causa era legata al modo in cui il sistema ormonale del corpo regola l’idratazione.

Viene rilasciato un ormone chiamato vasopressina per aiutare a regolare lo stato di idratazione del corpo. Viene rilasciato durante il giorno, così come durante le ore notturne, che è quello su cui i ricercatori si sono concentrati per questo studio.

“La vasopressina viene rilasciata più rapidamente e più tardi nel ciclo del sonno”, ha detto l’autore principale Asher Rosinger, assistente professore di salute bio-comportamentale presso la Penn State. “Quindi, se ti svegli presto, potresti perdere quella finestra in cui viene rilasciato più ormone, causando un’interruzione nell’idratazione del corpo.”

La disidratazione influisce negativamente su molti dei sistemi e delle funzioni del corpo, inclusi cognizione, umore, prestazioni fisiche e altri. La disidratazione a lungo termine o cronica può portare a problemi più gravi, come un maggior rischio di infezioni del tratto urinario e calcoli renali.

“Se dormi solo sei ore a notte, questo può influire sul tuo stato di idratazione”, ha detto Rosinger. “Questo studio suggerisce che se non dormi abbastanza e ti senti male o stanco il giorno successivo, bevi più acqua”.

Due campioni di adulti sono stati analizzati attraverso il National Health and Nutrition Examination Survey e un campione di adulti è stato analizzato attraverso lo studio cinese Kailuan. Più di 20.000 adulti sono stati inclusi nei tre campioni. I partecipanti sono stati intervistati sulle loro abitudini di sonno e hanno anche fornito campioni di urina i quali sono stati analizzati dai ricercatori per i biomarcatori di idratazione.

Tutti i dati sono osservazionali e da studi trasversali o un’onda cross-sectional di uno studio di coorte; pertanto, i risultati dell’associazione non dovrebbero essere considerati come causali. Gli studi futuri dovrebbero utilizzare la stessa metodologia tra i vari siti ed esaminare questa relazione longitudinalmente nel corso di una settimana per comprendere il basale del sonno e lo stato di idratazione, ha detto Rosinger.

Categorie:Reni

Con tag:,,