Batticuore

Un farmaco contro il diabete tipo 2 previene l’insufficienza cardiaca

Il test dimostra che l’inibizione di SGLT-2 può prevenire l’ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, ridurre la probabilità di progressione della malattia renale in pazienti con o senza malattia cardiaca accertata.

Boston, MA – Nel più grande studio fino ad oggi svolto per valutare gli esiti cardiovascolari per una importante classe di farmaci per il diabete, i ricercatori hanno scoperto che il dapagliflozin ha ridotto notevolmente il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca in un’ampia popolazione di pazienti diabetici. Questo beneficio è stato osservato in tutta la popolazione dello studio, compresi i soggetti che non hanno avuto una storia di infarto o insufficienza cardiaca. I risultati dell’effetto Dapagliflozin sugli eventi CardiovascuLAR – Trombolisi in infarto miocardico 58 (DECLARE-TIMI 58), sponsorizzato da AstraZeneca, sono stati presentati da Stephen Wiviott, MD, ricercatore senior del Gruppo di studio TIMI e specialista in medicina cardiovascolare al Brigham e Women’s Hospital, durante la American Heart Association Scientific Sessions 2018, e pubblicato simultaneamente nel New England Journal of Medicine .

“Quando si tratta di aiutare i nostri pazienti a controllare e gestire il glucosio nel sangue, il” come “sembra essere più importante del” quanto “. Quando si sceglie una terapia, i risultati dei test come questi possono aiutarci a prendere una decisione informata su quali trattamenti non solo sono sicuri ed efficaci per ridurre la glicemia, ma possono anche ridurre il rischio di complicanze cardiache e renali “, ha detto Wiviott. “DECLARE-TIMI 58 si basa su due altri recenti studi fatti negli inibitori di SGLT2 e dimostra che questi farmaci migliorano in modo solido e costante i risultati cardiaci e renali in un’ampia popolazione di pazienti con diabete”.

Dapagliflozin, prodotto dallo sponsor della sperimentazione AstraZeneca, è un inibitore selettivo del sodio-glucosio-co-trasportatore-2 (SGLT-2) che blocca il riassorbimento del glucosio nei reni e promuove l’eliminazione dello stesso in eccesso attraverso l’urina. Altri inibitori SGLT-2 hanno mostrato effetti cardiovascolari favorevoli, inclusa una riduzione del ricovero per insufficienza cardiaca, in pazienti con diabete di tipo 2 e malattia cardiaca accertata. L’efficacia degli inibitori di SGLT-2 tra una popolazione più ampia di pazienti, compresi quelli non precedentemente diagnosticati con malattie cardiache, non era chiara prima del trial in corso.

Per valutare gli effetti di dapagliflozin in pazienti con cardiopatia stabilita e con fattori di rischio per malattie cardiache, il Gruppo di studio TIMI di Brigham, in collaborazione con l’Organizzazione medica Hadassah, AstraZeneca, e altri, ha condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, trial di fase 3b multinazionale, controllato con placebo. I partecipanti eleggibili avevano almeno 40 anni e il diabete di tipo 2. I ricercatori hanno studiato 17.160 partecipanti, tra cui 6.974 con cardiopatia stabilita e 10.186 con molteplici fattori di rischio per le malattie cardiache. I partecipanti hanno ricevuto 10 mg di dapagliflozin al giorno o placebo abbinati.

L’esito primario sulla sicurezza era un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus (MACE). Mentre dapagliflozin non ha aumentato questi eventi, non ha ridotto l’incidenza in entrambi i pazienti con malattia cardiaca o con fattori di rischio per malattie cardiache. Tuttavia, il farmaco ha abbassato i livelli di glucosio nel sangue durante lo studio e il composito di morte cardiovascolare e ospedalizzazione per insufficienza cardiaca è stato ridotto del 17%, spinto da una riduzione del 27% nel ricovero per insufficienza cardiaca. Il farmaco ha anche migliorato gli esiti renali, riducendo un composito di diversi fattori tra cui la malattia renale allo stadio terminale e la morte a causa di insufficienza renale.

Il team non ha riscontrato evidenza di un aumento di ictus, amputazioni o fratture, preoccupazioni sollevate da precedenti studi di questa classe di farmaci. Come è noto per questa classe di farmaci, c’è stato un aumento delle infezioni genitali e della chetoacidosi diabetica, ma quest’ultima era un evento raro e l’eccesso era inferiore a 1 su 1.000 individui all’anno.

Gli investigatori del gruppo di studio TIMI hanno anche eseguito una meta-analisi combinando i dati di DECLARE-TIMI 58 e 2 altri grandi studi sugli inibitori SGLT2. Sono emersi diversi modelli importanti: gli inibitori di SGLT2 riducono il rischio di MACE di circa il 14%, ma solo in pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica esistente. Al contrario, riducono sensibilmente il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca del 31 percento e la progressione della malattia renale del 45 percento, e questi benefici erano consistenti indipendentemente da una storia di malattia cardiovascolare aterosclerotica o insufficienza cardiaca. Questi risultati sono pubblicati simultaneamente su Lancet.

Marc S. Sabatine, MD, MPH, presidente del Gruppo di studio TIMI e specialista in medicina cardiovascolare presso la Brigham, ha dichiarato: “Gli studi sui risultati cardiovascolari per testare la sicurezza e l’efficacia dei farmaci per i pazienti con diabete hanno rivoluzionato il nostro approccio a questa malattia Invece di concentrarci semplicemente sui cambiamenti di HbA1c, possiamo ora utilizzare questi dati per selezionare farmaci che riducono il rischio di eventi clinici importanti per i nostri pazienti “.