Complicanze varie/eventuali

Lipoipertrofia legata all’insulina: azione lipogenica o trauma tissutale?

pelle

La lipoipertrofia è suggerita come risultato dell’azione lipogenica dell’insulina e / o del trauma tissutale correlato all’iniezione. In uno studio trasversale, condotto dal Dipartimento di Farmacologia, Istituto nazionale di educazione e ricerca farmaceutica, Mohali, India sono stati valutati i predittori della lipoipertrofia in 372 pazienti con diabete di tipo 1 (età media 17,1 anni) che ricevevano insulina sottocutanea con penna e / o siringhe per ?3 mesi.

Esaminando i siti di iniezione con la tecnica di ispezione e palpazione, il 62,1% dei pazienti ha dimostrato lipoipertrofia. L’analisi univariata ha evidenziato che genere, BMI, HbA1c, dispositivo di iniezione, rotazione, area di iniezione, lunghezza dell’ago, regime di insulina e dose giornaliera totale di insulina erano associati a lipoipertrofia ( p <0,05).

Pubblicità e progresso

In particolare, il riutilizzo dell’ago medio era paragonabile nei pazienti con o senza lipoipertrofia (8.1 vs 7.2, p= 0,534). Nella regressione logistica multivariata, genere, HbA1c, TDD, dispositivi di iniezione e lunghezza dell’ago hanno perso significato. Inoltre, le iniezioni su un’area più piccola (?8,5 × 5,5 cm) e la non rotazione dei siti sono risultate essere il più forte predittore indipendente di lipoipertrofia ( p <0,0005 per entrambi) con aumentate probabilità di 23,2 (IC 95% 9,1-59,2) e 6,3 (95% CI 3.4-11.9) volte, rispettivamente.

Essere sottopeso era anche un significativo predittore indipendente (odds ratio [OR] 13.0 [95% CI 2.2-75.2], p = 0.004). Rispetto agli analoghi a lunga durata d’azione più rapidi, insulina regolare più analoghi a lunga durata d’azione e utenti di insulina premiscelati convenzionali avevano 3,2 (IC 95% 1,5-6,8, p = 0,003) e 4,6 (IC 95% 1,4-15,7, p= 0,014) una piega di rischio più elevato di lipoipertrofia (frequenza media di iniezione 4,01 vs 4,01 vs 2,09, rispettivamente).

L’analisi del sottogruppo ha mostrato che la lipoipertrofia era del 79% meno probabile nei pazienti con iniezioni multiple giornaliere (?4) rispetto al regime due volte al giorno (OR 0,21, p <0,0005). Inoltre, la lipoipertrofia è stata ridotta alla metà con dosi in bolo di analoghi dell’insulina ad azione rapida rispetto all’insulina regolare ( p = 0,003), anche se la frequenza di iniezione media era comparabile (4,01 vs 3,93, p = 0,229).

Questa differenza era statisticamente insignificante per le dosi basali con NPH o analoghi a lunga durata d’azione ( p= 0,069). Pertanto, l’area di iniezione, la rotazione, l’IMC e il regime di insulina sono i migliori predittori della lipoipertrofia e insieme potrebbero identificare correttamente lo stato di lipoipertrofia nell’84,4% dei pazienti con eccellente capacità di discriminazione (AUC = 0,906, p <0,0005).

In conclusione, i risultati dello studio suggeriscono che la somministrazione di analoghi dell’insulina rapidamente assorbiti su un’ampia area di iniezione insieme a una maggiore suddivisione delle dosi giornaliere totali riducono la lipogenesi indotta dall’insulina e superano il trauma tissutale aggiunto attraverso frequenti iniezioni e riutilizzo dell’ago.

Studio pubblicato in Frontiers of Endocrinology del 30 ottobre 2018