Complicanze varie/eventuali

Ulcere da diabete? La nuova soletta per scarpe potrebbe fornire la guarigione mentre si cammina

vesciche-ai-piedi-cosa-fare-rimedi-prevenirle-curarle

Il diabete può portare a ulcere che i pazienti non sentono nemmeno o notano fino alla vista del sangue. E dal momento che le ulcere non possono guarire da sole, dal 14 al 24 per cento dei diabetici negli Stati Uniti che ne fanno esperienza finiscono per perdere le dita dei piedi, i piedi o le gambe.

I ricercatori della Purdue University hanno sviluppato una suola per scarpe che potrebbe rendere più portatile il processo di guarigione per il 15% degli americani che sviluppano ulcere a causa del diabete.

Pubblicità e progresso

“Uno dei modi per curare queste ferite è dar loro ossigeno”, ha detto Babak Ziaie, professore al Purdue di ingegneria elettronica e informatica. “Abbiamo creato un sistema che rilascia gradualmente ossigeno durante il giorno in modo che un paziente possa avere maggiore mobilità.”

Le ulcere diabetiche sono spesso causate da alti livelli di zucchero nel sangue che danneggiano i nervi, ciò toglie la sensazione alle dita dei piedi o ai piedi.

Senza la capacità di sentire dolore, colpi e protuberanze tendono a passare inosservati e il tessuto cutaneo si rompe, formando ulcere. Un sacco di zucchero nel sangue, insieme alla pelle secca come conseguenza del diabete, rallentano ulteriormente il processo di guarigione dell’ulcera.

“In genere trattiamo le ulcere rimuovendo il tessuto devitalizzato dalla superficie della ferita e aiutando il paziente a trovare modi per togliere il peso dal piede colpito”, ha detto Desmond Bell, un podologo nella gestione delle ferite e nella prevenzione dell’amputazione al Memorial Hospital a Jacksonville, in Florida, e  fondatore di Save a Leg, Save a Life Foundation.

“Il gold standard per il trattamento di un’ulcera è un paziente che indossa un getto a contatto totale, che fornisce un ambiente protettivo per il piede. Se potessimo verificare quanto bene questo sottopiede fornisce ossigeno al sito della ferita dal cast, allora potrebbe essere un modo per aiutare il processo di guarigione “, ha detto.

I ricercatori di Purdue hanno utilizzato i laser per modellare la gomma a base di silicone nelle solette e quindi creare serbatoi che rilasciano ossigeno solo nella parte del piede in cui si trova l’ulcera. Un video di YouTube è disponibile su https: / youtu. essere / DX30YU5rmUM .

Il lavoro si allinea con la celebrazione di Giant Leaps di Purdue, riconoscendo i progressi globali dell’università compiuti in termini di salute, longevità e qualità della vita come parte del 150 ° anniversario di Purdue. Questo è uno dei quattro temi del Festival delle idee della durata di un anno, progettato per mostrare Purdue come un centro intellettuale che risolve i problemi del mondo reale.

“Il silicone è flessibile e ha una buona permeabilità all’ossigeno”, ha affermato Hongjie Jiang, ricercatrice postdottorato in ingegneria elettrica e informatica. “La lavorazione laser ci aiuta a mettere a punto quella permeabilità e mirare solo al sito della ferita, che è ipossico, piuttosto che avvelenare il resto del piede con troppo ossigeno.”

Secondo le simulazioni del team, la soletta può erogare ossigeno almeno otto ore al giorno sotto la pressione di un soggetto che pesa circa 53-81 chilogrammi (117-179 libbre). Ma il sottopiede può essere personalizzato per assumere qualsiasi peso, dicono i ricercatori.

Il team prevede che un produttore invii a un paziente un pacchetto di solette pre-riempite personalizzate sul sito della sua ferita, sulla base di un “profilo della ferita” ottenuto da una prescrizione del medico e una foto del piede.

“Si tratta di una personalizzazione di massa a basso costo”, ha detto Vaibhav Jain, un neo-laureato del programma master di ingegneria meccanica di Purdue e un attuale ricercatore associato in ingegneria elettronica e informatica.

Successivamente, i ricercatori vogliono creare un modo per stampare in 3D l’intero sottopiede, piuttosto che fare uno stampo prima e poi lavorare un modello con il laser. Hanno anche intenzione di testare il sottopiede su ulcere diabetiche reali, per valutare ulteriormente come avanza il processo di guarigione.

“Vogliamo portare questa tecnologia all’utente affrontando tutti gli aspetti tecnici necessari per semplificare il flusso di produzione”, ha detto Jain.

Il team ha pubblicato il suo lavoro nel numero di settembre del Materials Research Society Communications , un giornale di Cambridge Core. Il finanziamento per questo lavoro è stato fornito dal progetto NextFlex PC 1.0.

Un brevetto è in sospeso sulla tecnologia del sottopiede. Il team è attualmente alla ricerca di partner aziendali.