Ricerca

La molecola che lega il glucosio potrebbe trasformare il trattamento del diabete: una nuova insulina che evita l’ipoglicemia

Gli scienziati dell’Università di Bristol hanno progettato una nuova piattaforma sintetica di molecole di legame al glucosio che ci avvicina di un passo allo sviluppo della prima insulina al mondo reattiva al glucosio che, dicono i ricercatori, trasformerà il trattamento del diabete.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che oltre 382 milioni di persone in tutto il mondo, tra cui 4,05 milioni di persone nel Regno Unito, hanno il diabete – una malattia metabolica che colpisce i livelli di zucchero nel sangue. Tutti con il diabete di tipo 1 e alcune persone con diabete di tipo 2 devono assumere l’insulina, sia per iniezione che per pompa, per controllare i livelli di glucosio nel sangue.

Il team della School of Chemistry dell’Università, guidato dal professor Anthony Davis, in collaborazione con la società spin-out Ziylo, acquistata un mese fa dalla Novo Nordisk, ha sviluppato una piattaforma tecnologica innovativa, che potrebbe essere un componente chiave per consentire la prossima generazione di insulina, in grado di reagire e adattarsi a livelli di glucosio nel sangue. Questo potrebbe eliminare il rischio di ipoglicemia – livelli di zucchero nel sangue pericolosamente bassi – portando a un migliore controllo metabolico per le persone che vivono con la malattia.

All’inizio di quest’anno Ziylo è stata acquistata dalla società di assistenza sanitaria globale Novo Nordisk in un accordo del valore di circa 1800 milioni di dollari, il più grande affare del genere nella storia dell’Università di Bristol.

Ora, la scienza dietro la ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Chemistry .

Il professor Davis, che è stato in prima linea nella ricerca sui recettori dello zucchero sintetico negli ultimi 20 anni, ha dichiarato: “Per molti anni abbiamo cercato di progettare una molecola che leghi fortemente e in modo selettivo il glucosio nel suo ambiente naturale (acqua).

“Fino a poco tempo fa avevamo raggiunto un certo successo, ma mai sufficiente per le applicazioni pratiche, ora abbiamo apportato un cambiamento di progettazione e finalmente risolto il problema.

“In effetti, la nostra nuova molecola funziona meglio di quanto chiunque avrebbe ritenuto possibile, lega il glucosio 100 volte più forte di tutti i nostri sforzi precedenti ed è quasi perfettamente selettivo per il suo obiettivo. E’completamente confrontabile con le molecole naturali che legano il glucosio, nonostante essendo molte volte più piccolo. ”

Ci sono buone prospettive per l’utilizzo del recettore sintetico per aiutare i diabetici.

In primo luogo, potrebbe essere la chiave per sviluppare insulina – insulina reattiva al glucosio che diventa inattiva quando il glucosio non è presente. Questo potrebbe liberare i diabetici dalla paura dell’ipoglicemia, dove i livelli di glucosio scendono a livelli pericolosamente bassi.

In secondo luogo, potrebbe essere utilizzato nei sistemi di monitoraggio continuo del glucosio, che consentirebbe ai diabetici di conoscere i loro livelli di glucosio in ogni momento.

Il professor Davis ha aggiunto: “A livello scientifico, abbiamo dimostrato che una piccola molecola sintetica può eguagliare le prestazioni delle molecole naturali evolute (proteine), anche quando il compito è insolitamente difficile (il legame selettivo del glucosio nell’acqua è sempre stato pensato per essere eccezionalmente impegnativo).

“Dopo tanti anni di tentativi, è fantastico che abbiamo realizzato qualcosa che potrebbe salvare così tante vite.”

Categorie:Ricerca, Terapie

Con tag:,