Complicanze varie/eventuali

Creato un idrogel più efficace per la guarigione delle ferite diabetiche

186612_web

Immagine al microscopio elettronico dell’idrogel poroso

I ricercatori dell’Università del New Hampshire hanno creato un idrogel iniettabile facile da fabbricare, a basso costo che potrebbe aiutare le ferite a guarire più velocemente, specialmente per i pazienti con problemi di salute compromessi.

La guarigione delle ferite può essere complessa e impegnativa, specialmente quando un paziente ha altri ostacoli alla salute che ostacolano seriamente il processo. Spesso gli idrogel iniettabili vengono applicati a ferite di forma irregolare, come le ulcere diabetiche, per aiutare a formare una matrice temporanea, o struttura, per mantenere la ferita stabile mentre le cellule ringiovaniscono. L’avvertenza è che gli attuali idrogel non sono abbastanza porosi e non consentono alle cellule vicine di passare attraverso la ferita per aiutarla a riparare.

Pubblicità e progresso

“Sebbene preziosi per aiutare i pazienti, gli attuali idrogel hanno un’efficacia clinica limitata”, ha affermato Kyung Jae Jeong, assistente professore di ingegneria chimica all’UNH. “Abbiamo scoperto una soluzione semplice per rendere gli idrogel più porosi e quindi contribuire ad accelerarne la guarigione.”

Nello studio, recentemente pubblicato sulla rivista di ACS Applied Bio Materials, i ricercatori descrivono come hanno realizzato un idrogel macroporoso combinando microgel di gelatina facilmente disponibili – idrogel di poche centinaia di micron di diametro – con un enzima economico chiamato transglutaminasi microbica (mTG). La gelatina è stata utilizzata perché è una proteina naturale derivata dal collagene, una proteina presente nel tessuto connettivo del corpo come la pelle. L’assemblaggio di questi minuscoli microgel con mTG ha contribuito a creare un idrogel con pori abbastanza grandi da permettere alle cellule vicine di spostarsi nella ferita per la riparazione. Inoltre, questa nuova formulazione iniettabile consente il rilascio lento di farmaci proteici per favorire la guarigione delle ferite, come il fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF). I ricercatori hanno confrontato gli idrogel non porosi convenzionali con i nuovi idrogel macroporosi e riscontrato un notevole aumento della migrazione delle cellule tissutali all’interno dell’idrogel,

Insieme con le ulcere diabetiche, l’idrogel macroporoso potrebbe aiutare altre forme di guarigione sulla pelle, la cornea, gli organi interni durante l’intervento chirurgico e ha anche implicazioni militari.