Complicanze varie/eventuali

L’infiammazione cutanea può aumentare il rischio di diabete di tipo 2

applying body lotion care cosmetic product

Photo by Linda Prebreza on Pexels.com

Disturbi infiammatori della pelle, come la psoriasi, possono aumentare direttamente il rischio di diabete di tipo 2, secondo un nuovo studio presentato alla conferenza annuale della Society for Endocrinology a Glasgow. I risultati dello studio indicano che il miglioramento della salute della pelle potrebbe essere di grande importanza per il controllo della glicemia e per ridurre il rischio di diabete.

Circa il 2-3% della popolazione mondiale soffre di psoriasi, una malattia infiammatoria cronica in cui il sistema immunitario attacca le cellule della pelle, causando una crescita eccessiva delle cellule epidermiche più giovani le quali portano a prurito e ferite rosse. Sfortunatamente non esiste attualmente una cura per la psoriasi con i pazienti che devono usare trattamenti per alleviare i sintomi per tutta la loro vita. Per aggiungere a questo onere, studi precedenti hanno dimostrato che avere la psoriasi aumenta il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Tuttavia, i meccanismi biologici specifici che collegano i due disturbi sono sconosciuti e, se definiti, potrebbero portare a nuove terapie per trattare i pazienti affetti da problemi della pelle e ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Pubblicità e progresso

In questo studio, Elizabeth Evans e colleghi del King’s College London hanno utilizzato modelli di pelle umana e animale per cercare i cambiamenti causati dalla psoriasi che potrebbero influenzare lo sviluppo del diabete. I topi con psoriasi hanno mostrato cambiamenti indicativi di resistenza all’insulina, una caratteristica chiave dello sviluppo del diabete in cui l’insulina non riesce a stimolare l’assorbimento di glucosio nelle cellule. I cambiamenti includevano una diminuzione della capacità di assorbimento del glucosio nel tessuto grasso sotto la pelle e una maggiore produzione di insulina da parte delle cellule produttrici dell’ormone, il che indica come il corpo sta cercando di compensare la mancanza di assorbimento di glucosio. Alterazioni simili sono state osservate nelle cellule di grasso e isolotto al di fuori del corpo quando esposte al liquido di coltura usato per supportare campioni di pelle infiammata, suggerendo che la pelle infiammata rilascia segnali chimici per causare i cambiamenti.

Elizabeth Evans ha commentato: “Il modello di laboratorio che abbiamo usato in questo studio assomiglia molto a tanti dei principali tratti distintivi della psoriasi e abbiamo osservato alcuni cambiamenti causati dalla condizione e riflette ciò che si vede in un paziente pre-diabetico”.

Successivamente Elizabeth e i suoi colleghi hanno in programma di determinare quali fattori derivati dalla pelle vengono rilasciati durante la psoriasi e l’impatto che hanno sullo sviluppo del diabete.

Elizabeth Evans ha dichiarato: “Se siamo in grado di individuare nuovi fattori derivati dalla pelle che influenzano direttamente il controllo della glicemia, si potrebbe arrivare a potenziali bersagli terapeutici per il trattamento del diabete o dell’insulino-resistenza e scoprire se i fattori derivati dalla pelle alterano il sangue il controllo dello zucchero che è più basso quando il trattamento per la psoriasi è ben aderito e ciò sarebbe molto interessante, in quanto potrebbe ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 “.