Compliance

Diabete su Twitter: analisi del sentimento

I contenuti pubblicati sui social media hanno un impatto sulle persone e sul loro processo decisionale. Conoscere il sentimento verso il diabete è fondamentale per capire l’impatto che tali informazioni potrebbero avere nelle persone affette da questa condizione di salute e dai loro familiari. L’obiettivo di questo studio condotto dal Centro norvegese per la ricerca sull’e-health, ospedale universitario della Norvegia settentrionale, Tromsø era di analizzare il sentimento espresso nei messaggi sul diabete pubblicati su Twitter.

I tweet tra cui uno dei termini “diabete”, “t1d” e / o “t2d” sono stati estratti per una settimana utilizzando l’API standard di Twitter. Sono stati estratti solo il messaggio di testo e il numero di follower degli utenti. L’analisi del sentimento è stata eseguita utilizzando SentiStrength.

Sono stati estratti automaticamente 67 421 tweet, di questi 3,7% specificamente riferiti a T1D; e il 6,8% specificamente menzionato T2D. Uno o più emoji sono stati inclusi nel 7,0% dei post. I tweet che menzionavano specificamente il T2D e che non includevano gli emoji erano significativamente più negativi rispetto ai tweet che includevano gli emoji (-2,22 vs -1,48, P <0,001). I tweet su T1D e che includevano gli emoji erano entrambi significativamente più positivi e anche meno negativi rispetto ai tweet senza emoji (1.71 vs 1.49 e -1.31 vs -1.50, rispettivamente, P <.005). Il numero di follower ha avuto un’associazione negativa con la forza positiva del sentiment (r = -.023, P <.001) e un’associazione positiva con il sentimento negativo (r = .016, P <.001).

L’uso delle tecniche di analisi dei sentimenti sui social media potrebbe aumentare la nostra conoscenza di come i social media abbiano un impatto sulle persone con diabete e le loro famiglie e potrebbero contribuire a migliorare le strategie di sanità pubblica.

Lo studio è stato pubblicato nella rivista scientifica Journal of Diabetes Science and Technology del 19 novembre 2018.