Batticuore

Gli effetti indotti dallo stress sul flusso sanguigno del cuore differiscono per gli uomini rispetto alle donne

Alcuni pazienti con malattia coronarica hanno un insufficiente flusso di sangue al muscolo cardiaco durante periodi di stress mentale / emotivo. Questa condizione – denominata “ischemia miocardica indotta da stress mentale” (MSIMI) – è correlata alla gravità dell’accumulo di placca nelle arterie coronarie negli uomini ma non nelle donne, riporta uno studio in Medicina psicosomatica: Journal of Biobehavioral Medicine , la rivista ufficiale dell’ American Psychosomatic Society . La rivista è pubblicata nel portfolio Lippincott di Wolters Kluwer.

L’ischemia miocardica indotta da stress mentale si manifesta sia negli uomini che nelle donne, sebbene le donne più giovani tendano ad avere questo fenomeno. Mentre MSIMI è legata a esiti cardiovascolari peggiori in entrambi i sessi, ci possono essere differenze di sesso nel meccanismo attraverso il quale lo stress può innescare MSIMI, secondo la nuova ricerca di Viola Vaccarino, Md, PhD e colleghi, della Emory University School of Public Health e Scuola di Medicina, Atlanta.

Risposta del cuore allo stress legato alla gravità della placca coronarica negli uomini, ma non nelle donne

I ricercatori hanno esaminato l’associazione specifica del sesso tra accumulo di placca coronarica (malattia coronarica ostruttiva) valutata da angiogrammi e MSIMI in 276 partecipanti – 141 uomini e 135 donne – con recente infarto miocardico (infarto). Lo studio ha preso di mira giovani adulti di mezza età (sotto i 61 anni). Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a test di stress convenzionale per valutare il flusso ematico del miocardio in risposta a una sfida fisica o farmacologica (un test da sforzo o un test di stress farmacologico).

I pazienti hanno anche subito un test di stress mentale, che ha valutato il flusso sanguigno miocardico in risposta a una situazione stressante (un compito di parlare in pubblico). Sulla base di una riduzione del flusso sanguigno miocardico durante questa sfida stressante, il 17% dei pazienti è stato classificato come MSIMI.

Le donne avevano un più alto tasso di MSIMI (20 percento) rispetto agli uomini (15 percento). Il 27% dei pazienti ha avuto ischemia miocardica convenzionale da stress (CSIMI). Solo il 10% dei pazienti aveva sia MSIMI che CSIMI.

In entrambi gli uomini e le donne, la presenza di CSIMI era associata a una maggiore gravità ostruttiva delle coronarie. Per ogni aumento di una unità del punteggio di gravità, la probabilità di CSIMI è aumentata di circa il 50%, dopo aggiustamento per altri fattori.

Al contrario, la presenza di MSIMI è stata associata ad un più grave accumulo di placca solo negli uomini: per ogni aumento di una unità del punteggio di gravità, la probabilità di MSIMI è quasi raddoppiata. Per le donne, MSIMI non era correlata alla gravità ostruttiva delle coronaropatie.

“C’è una crescente evidenza che gli stressors psicosociali possono promuovere lo sviluppo e la progressione della malattia cardiovascolare in soggetti sensibili”, secondo gli autori. Tuttavia, la relazione tra MSIMI e malattia coronarica ostruttiva, significa blocchi nelle principali arterie coronarie che forniscono sangue al muscolo cardiaco, non è chiara. Le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di sviluppare ischemia miocardica senza ostruzione coronarica.

I risultati supportano l’ipotesi che MSIMI possa svilupparsi attraverso diversi meccanismi nelle donne rispetto agli uomini. Coerentemente con le precedenti scoperte sulle differenze di sesso nelle cardiopatie, può darsi che MSIMI nelle donne rifletta principalmente anomalie diverse dal blocco delle arterie coronarie, come il malfunzionamento dei vasi sanguigni coronarici più piccoli (disfunzione microcircolatoria).

Le differenze sessuali possono avere importanti implicazioni per la comprensione degli effetti vascolari specifici del sesso dello stress psicologico in generale e dei meccanismi di MSIMI in particolare, poiché la maggior parte degli studi precedenti su questo argomento si sono concentrati sugli uomini. Il dott. Vaccarino e colleghi concludono: “Questi risultati suggeriscono che MSIMI deve essere guidato da meccanismi alternativi, specialmente tra le donne, e fornire motivazione per ulteriori ricerche per capire i meccanismi specifici del sesso per gli effetti dello stress mentale sull’ischemia miocardica e gli esiti a lungo termine. “

###

Clicca qui per leggere “Associazione specifica del sesso tra gravità delle arterie coronarie e ischemia miocardica indotta da stress mentale”

A proposito di medicina psicosomatica

Medicina psicosomatica: Journal of Biobehavioral Medicine , fondata nel 1939, è la rivista ufficiale peer-reviewed della American Psychosomatic Society. Pubblica studi sperimentali e clinici che trattano vari aspetti delle relazioni tra fattori sociali, psicologici e comportamentali e processi corporei nell’uomo e negli animali. Medicina psicosomatica: Journal of Biobehavioral Medicine è una rivista internazionale interdisciplinare dedicata all’indagine sperimentale e clinica in biologia comportamentale, psichiatria, psicologia, fisiologia, antropologia e medicina clinica. Il giornale di stampa viene pubblicato nove volte l’anno; la maggior parte degli articoli sono pubblicati online prima della stampa.

A proposito della American Psychosomatic Society

La missione dell’Americos Psychosomatic Society è di promuovere la comprensione scientifica e l’integrazione multidisciplinare di fattori biologici, psicologici, comportamentali e sociali nella salute e nelle malattie umane e di promuovere la diffusione e l’applicazione di questa comprensione nell’istruzione e nella cura della salute.

La American Psychosomatic Society è una comunità mondiale di studiosi e clinici dediti alla comprensione scientifica dell’interazione tra mente, cervello, corpo e contesto sociale nel promuovere la salute. L’organizzazione è dedicata alla ricerca biopsicosociale e alla cura clinica integrata e alla creazione di un forum attraverso il suo sito web, il Meeting annuale e la rivista, Medicina psicosomatica, per condividere questa ricerca. I suoi membri provengono da tutto il mondo, inclusi specialisti di tutte le discipline mediche e sanitarie, delle scienze comportamentali e delle scienze sociali.