Donne e diabete

La maggior parte delle donne con precedente diabete mellito gestazionale hanno alterato il metabolismo del glucosio dopo un decennio.

Di 1324 donne con diagnosi di diabete mellito gestazionale (GDM) in Svezia, il 25% ha riportato > 10 anni dopo il parto di aver sviluppato il diabete mellito. I ricercatori del Dipartimento di Endocrinologia e Dipartimento di Scienze Mediche e della Salute, Università Linköping, Svezia hanno valutato il rischio a lungo termine di tutte le alterazioni metaboliche del glucosio in un sottogruppo di queste donne.  Donne (n = 51) precedentemente diagnosticate con GDM da glucosio capillare ?9,0 mmol / L (glucplasma glucosio ?10,0 mmol / L) dopo un test di tolleranza al glucosio orale da 2 ore e 75 g (OGTT) sono state incluse.

Tutte hanno ricevuto una valutazione clinica e biochimica, incluso un secondo OGTT da 2 ore e 75 g. Donne con diabete di tipo 1 noto sono state escluse.

Pubblicità e progresso

Al follow-up, il 12/51 (24%) ha riferito di diabete di tipo 2 precedentemente diagnosticato. Altri quattro casi sono stati diagnosticati dopo il secondo OGTT, aumentando la prevalenza a 16/51 casi (31%). Il glucosio plasmatico a digiuno alterato (IFG) è stato diagnosticato in 13/51 donne e ha ridotto la tolleranza al glucosio (IGT) in 10/51 donne, lasciando solo 12 donne (24%) con normale tolleranza al glucosio.

Inoltre, 2/51 donne avevano alti livelli di anticorpi contro la decarbossilasi dell’acido glutammico (GAD); di questi, una donna classificata come diabete di tipo 2 è stata riclassificata come diabete di tipo 1 e la seconda donna affetta da GAD è stata diagnosticata con IGT. Delle donne diagnosticate con GDM da un OGTT da 2 ore e 75 g, una grande proporzione aveva alterato il metabolismo del glucosio un decennio più tardi, incluso il diabete di tipo 1 e di tipo 2.