Diritti e rovesci

Diabete tipo 1: discriminazioni a seconda della regione di appartenenza (in Germania)

Come viene trattato il diabete di tipo 1, la forma della malattia autoimmune, dipende anche da dove vivono i pazienti in Germania. Nelle regioni socio-economicamente più deboli, le pompe per insulina e gli analoghi dell’insulina a lunga durata d’azione sono usati meno frequentemente. Qui i pazienti hanno livelli più alti di glucosio nel sangue (HbA1c) e una maggiore prevalenza di sovrappeso. Tuttavia, il tasso di eventi gravi d’ipoglicemia è più basso. Questo è il risultato di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Centro tedesco per la ricerca sul diabete (DZD) a Düsseldorf, Neuherberg e Ulm. I risultati sono stati ora pubblicati sulla rivista “Diabetes Care“.

Nonostante i significativi progressi nella gestione del diabete di tipo 1 nei bambini e negli adolescenti negli ultimi due decenni, ci sono differenze regionali nel trattamento. A seconda dello stato federale, ci sono state differenze nell’uso di pompe per insulina e analoghi dell’insulina ad azione rapida o a lunga durata d’azione, nonché livelli di glucosio nel sangue (HbA1c), la prevalenza del sovrappeso e il tasso di eventi gravi di ipoglicemia. Ma quali sono le ragioni di queste differenze? Esiste una correlazione tra le condizioni socio-economiche di una regione e le modalità di trattamento dei bambini e adolescenti con diabete di tipo 1? E può essere usato per ricavare differenze nei risultati del trattamento? I ricercatori del DZD hanno esaminato queste domande nel presente studio.

Pubblicità e progresso

Per questo hanno valutato i dati del Diabetes Patient Follow-up Registry (DPV) di 29.284 pazienti di età inferiore ai 20 anni. Tra le altre cose, hanno studiato la frequenza con cui vengono utilizzati la terapia con pompa e gli analoghi dell’insulina ad azione rapida o a lunga durata d’azione e la percentuale di utilizzo dei sistemi di misurazione continua del glucosio (CGMS). Oltre al tipo di trattamento, sono stati valutati anche i risultati del trattamento. Tra le altre cose, sono stati analizzati la qualità del controllo metabolico (valutato dal valore di HbA1c) e la prevalenza del sovrappeso nei pazienti con diabete di tipo 1 giovane. “Lo studio dimostra che le differenze regionali nel trattamento e nei risultati nei pazienti con diabete di tipo 1 sono persino presenti a livello distrettuale e che queste differenze geografiche possono essere in parte spiegate dalla deprivazione dell’area, ovvero dalla mancanza di risorse materiali e sociali nell’area misurati da indicatori socioeconomici aggregati “, ha detto Marie Auzanneau, prima autrice e scienziata DZD dell’Istituto di Epidemiologia e Biometria medica, ZIBMT, all’Università di Ulm.

Per lo studio, il team di ricerca ha utilizzato il “German Index of Multiple Deprivation 2010” (GIMD 2010) e la sua suddivisione in quintili. Questo indice di deprivazione è stato concepito dall’ultimo autore e scienziato DZD Werner Maier dell’istituto di economia sanitaria e gestione sanitaria, Helmholtz Zentrum München, Neuherberg. I risultati hanno mostrato che i pazienti nelle regioni più svantaggiate dal punto di vista socio-economico avevano meno probabilità di ricevere analoghi dell’insulina a lunga durata d’azione (64,3%) rispetto ai pazienti nelle regioni socio-economicamente più forti (80,8%). Anche i sistemi di monitoraggio continuo del glucosio (CGM) vengono utilizzati meno frequentemente nelle regioni socio-economicamente più deboli (3,4% dei pazienti) rispetto alle regioni socio-economicamente più forti (6,3% dei pazienti). Le differenze possono anche essere viste nei risultati del trattamento. Il valore medio di HbA1c è dell’8,07% (65 mmol / mol) nelle regioni socio-economicamente più deboli e del 7,84% (62 mmol / mol) nelle regioni socio-economicamente più forti. Inoltre, i pazienti nelle regioni più svantaggiate sono spesso in sovrappeso. La prevalenza è del 15,5% qui e dell’11,8% nelle regioni socio-economicamente privilegiate. Tuttavia, i pazienti nelle regioni socio-economicamente più deboli hanno meno probabilità di soffrire di grave ipoglicemia. Il tasso di ipoglicemia grave qui è di soli 6,9 eventi ogni 100 anni paziente rispetto a 12,1 eventi nelle aree socio-economicamente più forti.

“I nostri risultati suggeriscono che gli esiti del trattamento dei pazienti nelle regioni socio-economicamente svantaggiate potrebbero essere migliorati dall’uso più frequente della terapia con pompa e della misurazione continua del glucosio nel tessuto”, ha detto lo scienziato DZD Stefanie Lanzinger dello ZIBMT. “Al fine di chiarire in che modo le dimensioni individuali della deprivazione della zona sono associate ai risultati del trattamento nella cura del diabete, seguiranno ulteriori studi”, ha aggiunto Joachim Rosenbauer del Diabetes Center di Düsseldorf.