Terapie

Identificate 4 fasi distinte del diabete di tipo 2

Un nuovo modello incentrato sulle complicazioni identifica quattro distinte fasi della malattia basate sull’evidenza lungo lo spettro del diabete di tipo 2, sottolineando come l’assistenza preventiva debba iniziare ai primi segni di insulino-resistenza, secondo una dichiarazione congiunta presa dall’American Association of Clinical Endocrinologists e dal American College of Endocrinology.

Il modello, etichettato dagli autori come “malattia cronica a base di disglicemia” o DBCD, include raccomandazioni per strategie complete di riduzione del rischio, tra cui cambiamenti dello stile di vita e terapia per dimagrire, mitigare la progressione verso il diabete o limitare l’effetto del diabete di tipo 2.

“Non ci libereremo del diabete di tipo 2,” Jeffrey I. Mechanick, MD, FACP, FACE, FACN, ECNU, professore di medicina presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai e un ex presidente di AACE e l’American College of Endocrinology (ACE), ha detto: “Stiamo osservando il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari e anche il prediabete e l’insulino-resistenza, il tutto come un’unica struttura, che chiamiamo malattia cronica basata sulla disglicemia.”

I dati disponibili, ha detto Mechanick, suggeriscono che molte persone con prediabete “scavalcano” il diabete di tipo 2 senza complicazioni e progrediscono nel diabete di tipo 2 con complicanze cardiovascolari (CVD).

L’affermazione della posizione identifica quattro fasi della malattia cronica basata sulla disglicemia:

  • stadio 1: definito come resistenza all’insulina DCBD;
  • fase 2: definita come prediabete DCBD;
  • stadio 3: definito come diabete di tipo 2 DCBD; e
  • stadio 4: definito come complicanze vascolari DCBD, tra cui retinopatia, nefropatia o neuropatia e / o eventi microvascolari di tipo 2 correlati al diabete.

Nell’esaminare il problema dei prediabete, ha detto Mechanick, gli autori della dichiarazione di posizione hanno cercato di difendere l’importanza dal punto di vista della salute pubblica della diagnosi – e della gestione – del prediabete, che si ritiene spesso associato a basso rischio di complicanze.

“Quello che abbiamo fatto è stato il risanamento del problema”, ha detto Mechanick in un’intervista. “Abbiamo visto il prediabete non in isolamento, ma piuttosto in termini di continuum, espandendo il quadro per il diabete di tipo 2”.

Il diabete di tipo 2, detto Mechanick, è una malattia che “migra” da uno stato di normoglicemia con insulino-resistenza, a lieve alterazione glicemica tipicamente diagnosticata come prediabete, a diabete di tipo 2 palesemente asintomatico, a forme più morbose della malattia con complicazioni vascolari. La dichiarazione osserva che i futuri ricercatori potrebbero eventualmente riclassificare ciò che gli autori definiscono “prediabete DCBD di stadio 2” da una “predisposizione” a uno stato di vera malattia.

“Quando vedi il prediabete in quel tipo di continuum, allora ha molta importanza”, ha detto Mechanick. “Il contesto per l’importanza è un modello di assistenza preventiva. Piuttosto che aspettare che un paziente evolva attraverso questo continuum, fino alle forme morbose del diabete di tipo 2 in cui la prevenzione terziaria verrebbe implementata, il che è costoso, non avrebbe senso intervenire prima? “

L’istruzione espressa nella posizione congiunta presenta una tabella dei modelli di assistenza DBCD che delinea ogni fase, contesto clinico, rilevanza pragmatica e base di prove per ciascuna delle quattro fasi. Il modello di cura segue un formato simile per la malattia cronica basata sull’adiposità, o ABCD, pubblicato da AACE e ACE a dicembre 2016. In quella posizione, gli autori si sono concentrati sui caratteristici effetti fisiopatologici della massa, distribuzione e funzione anormali del grasso, piuttosto che sull’aumento del peso corporeo, e hanno fornito protocolli standardizzati per la perdita di peso e la gestione delle complicanze. 

Categorie:Terapie

Con tag:,