Counseling/consulenze

Jetlag sociale, i parametri relativi al sonno e controllo glicemico negli adulti con diabete di tipo 1

Il controllo glicemico negli adulti con diabete di tipo 1 è influenzato negativamente dalla piccola interruzione del ritmo circadiano ricorrente o dal jetlag sociale, secondo i risultati pubblicati sul Journal of Diabetes.

“Il debito del sonno accumulato nei giorni lavorativi è in seguito recuperato nei giorni liberi, portando a ripetuti periodi di sonno e disallineamento circadiano durante la settimana”, Cornelia Bala, MD, PhD, LLD , docente presso il dipartimento diabete e malattie nutrizionali della Iuliu Hatieganu University of Medicine all’ospedale di Cluj-Napoca, in Romania, e colleghi hanno scritto. “Anche se è risaputo che il ritmo circadiano è coinvolto nella regolazione dei processi metabolici, solo recentemente il disallineamento circadiano è considerato come un potenziale contributo alla disregolazione del glucosio al di fuori del contesto del lavoro a turni”.

Dopo aver iscritto consecutivamente 115 adulti (44,3% donne, età media 37,3 anni) con diabete di tipo 1 di durata superiore a 6 mesi presso il Centro clinico  Bala e colleghi hanno eseguito uno studio osservazionale trasversale. Utilizzando interviste ai partecipanti condotte tra maggio 2017 e gennaio 2018, i ricercatori hanno determinato l’ora di andare a dormire, la latenza di insorgenza e i tempi di sveglia dei partecipanti durante il mese precedente sia nei giorni feriali che nei fine settimana.

I ricercatori hanno suddiviso i partecipanti in base al numero di jetlag sociali – la differenza nel tempo di mezzogiorno durante i fine settimana e nei giorni feriali: 53 partecipanti avevano jetlag sociale di almeno 1 ora e il rimanente 62 in meno di 1 ora. I ricercatori hanno notato che quelli con jet lag sociale di almeno 1 ora erano più giovani (età media, 31,5 anni contro 42,3 anni, P <0,001), avevano una durata media del diabete più breve (14,1 anni rispetto a 19,8 anni, P = 0,005) e dormito più a lungo in media nei fine settimana (8,8 ore contro 7,9 ore, P = 0,001).

“Abbiamo dimostrato che nei pazienti con diabete di tipo 1, una piccola interruzione del ritmo circadiano è associata a scarso controllo glicemico e questa associazione è indipendente dall’età, sesso, durata del diabete, dose totale di insulina per chilogrammo al giorno, regime di insulina, IMC e altre misurazioni del sonno e del ritmo circadiano (durata del sonno, qualità del sonno, cronotipo). Abbiamo anche dimostrato che il jetlag sociale agisce indipendentemente dalla qualità del sonno esercitando un effetto deleterio sul controllo glicemico in questi pazienti “, hanno scritto i ricercatori. “Sono necessari ulteriori studi per indagare i potenziali meccanismi patogenetici coinvolti e studi per testare l’efficacia degli interventi volti a correggere il comportamento del sonno per confermare queste associazioni.” 

Divulgazione scientifica : Bala segnala che ha ricevuto commissioni da AstraZeneca, Bayer, Boehringer Ingelheim, Medtronic, Sanofi e la Fondazione Coca-Cola. Si prega di consultare lo studio per tutte le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.