Terapie

Le infezioni possono essere un fattore scatenante per infarto, ictus

Diabete, ipertensione e colesterolo elevato sono fattori di rischio ben noti per le malattie cardiovascolari. Ma per quanto riguarda il solo ammalarsi? Riuscire a raccogliere qualche tipo di infezione aumenta la possibilità di avere un ictus o un infarto?

Un nuovo studio suggerisce che potrebbe.

I ricercatori hanno collegato infezioni come la polmonite e le infezioni del tratto urinario ad un aumentato rischio di avere un evento coronarico, come un infarto o ictus , nei successivi tre mesi.

Nello studio pubblicato recentemente sul Journal of American Heart Association, i ricercatori hanno esaminato un registro di pazienti rintracciati in più anni in quattro città degli Stati Uniti. Hanno esaminato 1.312 pazienti che hanno avuto un attacco di cuore o un altro tipo di evento coronarico e 727 altri pazienti con un ictus ischemico, il tipo causato da un coagulo di sangue.

Tra i pazienti affetti da malattie cardiache, circa il 37% aveva un qualche tipo di infezione nei tre mesi precedenti. Tra i pazienti colpiti da ictus, era quasi il 30 percento.

Le infezioni sostanzialmente aumentano le probabilità di avere un attacco di cuore o ictus rispetto a uno o due anni prima nello stesso gruppo di pazienti, e quelle probabilità erano più alte nelle prime due settimane dopo l’infezione.

Le infezioni generalmente innescano una reazione infiammatoria nel corpo, ha detto il dottor Kamakshi Lakshminarayan, un neurologo e autore senior della ricerca.

Il corpo attiva la sua produzione di cellule bianche per aiutare a scongiurare un’infezione, ma questo processo aumenta anche la viscosità delle cellule chiamate piastrine, ha detto. Ciò incoraggia la formazione di coaguli che potrebbero bloccare il flusso di sangue al cuore o al cervello.

“L’infezione sembra essere il fattore scatenante per cambiare l’equilibrio finemente sintonizzato nel sangue e renderci più inclini alla trombosi o alla formazione di coaguli”, ha affermato Lakshminarayan, professore associato di epidemiologia presso la facoltà di medicina dell’Università del Minnesota. “È un innesco per i vasi sanguigni che si bloccano e ci mettono a rischio maggiore di eventi gravi come infarto e ictus”.

Lo studio solleva dubbi sul fatto che i pazienti ospedalizzati per infezioni dovrebbero anche iniziare a ricevere un trattamento per proteggerli da malattie cardiache e ictus. Ulteriori ricerche possono fornire tali risposte, ha affermato Lakshminarayan.

L’infezione del tratto urinario, o UTI, era il tipo più comune di infezione riportato nello studio, seguito da polmonite e altre infezioni respiratorie. Sono state riportate anche infezioni della pelle e del sangue.

Lo studio ha incluso pazienti trattati per infezioni durante il ricovero e quelli che hanno ricevuto cure ambulatoriali. Entrambi i gruppi avevano più probabilità di avere un evento cardiovascolare entro tre mesi dall’infezione, ma questa associazione sembrava essere più forte nel gruppo ospedaliero.

Questo perché le infezioni che richiedono il ricovero sono probabilmente più gravi per cominciare, ha detto Juan Badimon, professore di medicina e direttore dell’unità di ricerca dell’aterotrombosi presso l’Istituto Cardiovascolare della Mount Sinai School of Medicine di New York.

“E se l’infezione è così grave, possiamo supporre che una risposta infiammatoria più forte comporti un rischio cardiovascolare più elevato”, ha detto Badimon, che non è stato coinvolto nella ricerca ma è co-autore di un editoriale che ha accompagnato lo studio.

Ha descritto l’associazione dello studio tra eventi cardiovascolari e tutti i tipi di infezioni, non solo quelle respiratorie, una “nuova scoperta”. Ma, ha detto, che gli sarebbe piaciuto aver visto i ricercatori scavare più a fondo e notare se la sorgente-virale o infezione batterica, avesse giocato un ruolo nel rischio aumentato per gli attacchi di cuore e ictus.

Badimon spera che i risultati incoraggeranno il pubblico ad assicurarsi che le vaccinazioni siano aggiornate, specialmente durante la stagione influenzale.

Lakshminarayan è d’accordo.

“Uno dei maggiori suggerimenti è che dobbiamo prevenire queste infezioni ogni volta che è possibile”, ha detto, “e questo significa vaccini contro l’influenza e polmonite, specialmente per gli individui più anziani”.

Categorie:Terapie

Con tag:,