Reni

Per un colpo di reni alla nefropatia diabetica

Reni

I progressi nel trattamento del cancro, delle malattie cardiache e di altre importanti condizioni di salute negli ultimi decenni hanno prolungato la vita di milioni di persone.

Tuttavia, la malattia renale cronica è un outlier, con casi che accelerano a un ritmo più veloce rispetto a tutte le altre malattie non infettive, secondo uno studio della Washington University School of Medicine di St. Louis e del Veterans Affairs (VA) St. Louis Health Care System.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno scoperto che il peso della malattia renale cronica, così come la probabilità di morte correlata alla stessa, sono aumentati notevolmente negli ultimi 15 anni in tutti i 50 stati degli Stati Uniti. Tali aumenti sono stati osservati anche in giovani di età compresa tra 20 e 54 anni, un gruppo in cui la malattia renale era  raro.

I risultati sono pubblicati il ??30 novembre in JAMA Network Open .

“Sfortunatamente, la malattia renale cronica è nota come “epidemia silenziosa” perché molte persone non si rendono conto di averla fino a quando la stessa non si trova in una fase avanzata”, ha detto Ziyad Al-Aly, MD, autore senior dello studio e assistente professore di medicina. “È particolarmente preoccupante che la malattia renale cronica si stia diffondendo sempre di più nei giovani: si tratta di un notevole passo nella direzione sbagliata”.

I ricercatori hanno notato che l’abbondanza di cibi ricchi di zuccheri e sale in molte diete americane e problemi di salute legati all’obesità come l’ipertensione e il diabete di tipo 2 sono probabilmente alla base dell’aumento della malattia renale. Questo perché diete povere  e problemi metabolici contribuiscono all’accumulo di tossine che possono interferire con il lavoro dei reni, che è quello di rimuovere i rifiuti nocivi dal corpo.

I ricercatori hanno anche dimostrato che l’aumento dei tassi di malattia renale cronica varia considerevolmente da area ad area. Ad esempio, mentre tutti gli stati hanno registrato un aumento dei tassi di malattia renale cronica, si sono verificati aumenti significativamente più elevati negli Stati con i più alti tassi di obesità tra gli adulti, come West Virginia, Mississippi, Louisiana, Georgia e Alabama.

“I risultati suggeriscono la necessità di affrontare i rischi per la salute come il diabete che può portare a malattie renali”, ha detto Al-Aly. “Ciò significa diete più sane ed esercizio fisico, così come un maggiore monitoraggio da parte degli operatori sanitari dei pazienti con obesità o disturbi metabolici, nonché patologie psichiatriche che sono a maggior rischio di sviluppare malattie renali”.

Per confrontare i tassi di malattie renali con altre patologie, i ricercatori hanno sfruttato un database pubblico dell’iniziativa Global Burden of Disease (GBD). Fornisce una dettagliata valutazione epidemiologica di circa 350 malattie e lesioni per età e sesso, oltre a più di 80 fattori di rischio, in tutti gli stati e paesi degli Stati Uniti e in tutto il mondo. Per questo studio, l’analisi si è concentrata sui dati statunitensi per età dal 2002 al 2016.

I ricercatori hanno misurato e confrontato la variazione percentuale negli anni di vita in buona salute persi a causa di malattie renali con malattie e lesioni nel database GBD. Hanno scoperto che i tassi di malattia renale cronica stanno aumentando più velocemente dei tassi di tutte le malattie non infettive, tra cui malattie cardiovascolari, cancro, cirrosi e altre malattie polmonari croniche, disturbi mentali e disturbi neurologici.

La misura di quanti anni di vita sana sono persi viene spesso definita come “anni di vita corretti per la disabilità”. Durante il periodo di 15 anni coperto dallo studio, la perdita di salute a causa di malattia renale è aumentata del 18%, mentre il peso delle malattie cardiovascolari e del cancro è diminuito del 22% e del 13%, rispettivamente.

“Il declino riflette in gran parte i progressi della medicina nelle malattie cardiovascolari e nel trattamento del cancro”, ha detto Al-Aly. “Allo stesso modo, l’aumento della malattia renale cronica riflette una relativa stagnazione nei nuovi trattamenti. Non ci sono stati importanti progressi nel rallentare o invertire la malattia renale negli ultimi due decenni”.

Complessivamente, i decessi dovuti a malattie renali croniche sono aumentati del 58% da 52.127 nel 2002 a 82.539 nel 2016.

Mentre i decessi attribuibili alla malattia renale cronica sono rari tra le persone più giovani, i numeri stanno aumentando. Tra gli adulti di età compresa tra 20 e 54 anni, la probabilità di morte per malattia renale cronica è aumentata del 26,8%, dallo 0,1% (o 100 decessi ogni 100,00 persone) nel 2002 allo 0,125% (125 decessi ogni 100.000 persone) nel 2016.

“Ciò è preoccupante anche dal punto di vista economico, perché sono soprattutto gli adulti più giovani che spesso contribuiscono maggiormente alla prosperità economica a livello locale, statale e federale”, ha detto Al-Aly.

Quelli di 55 anni e oltre hanno registrato un aumento del 25,6% dei decessi a causa della malattia renale cronica, dall’1,95% (1.950 decessi ogni 100.000 persone nel 2002 al 2,45% (2.450 decessi ogni 100.000 persone) nel 2016.

La insufficienza  renale cronica ha anche rappresentato un aumento del 52% tra tutte le fasce d’età di anni di vita sani persi, da 1,2 milioni nel 2002 a 2 milioni nel 2016.

“Le priorità di salute pubblica, le iniziative politiche, l’allocazione dei finanziamenti e gli sforzi di advocacy devono recuperare questa realtà che il peso della malattia renale cronica sta crescendo e la velocità di cambiamento supera le altre malattie non trasmissibili”, ha detto Al-Aly. “Dovrebbe essere fatto uno sforzo concertato per frenare tutto questo.”

Categorie:Reni

Con tag:,