Educazione

Perché i pazienti mentono ai loro medici?

Nel momento in cui il medico ti chiede quanto spesso ti alleni, gli dai una risposta onesta? Che ne dici di quando ti chiede cosa hai mangiato ultimamente? Se hai mai teso la verità, non sei solo.

Secondo un nuovo studio, dal 60 all’80 percento delle persone intervistate non hanno rappresentato le informazioni utili del caso ai medici che potrebbero essere rilevanti per la loro salute. Oltre a criticare la dieta e l’esercizio fisico, più di un terzo degli intervistati non ha parlato quando erano in disaccordo con la raccomandazione del proprio medico. Un altro scenario comune è stato il non ammettere di non aver capito le istruzioni del proprio medico.

Quando gli intervistati hanno spiegato perché non erano trasparenti, la maggior parte ha detto che volevano evitare di essere giudicati, e non volevano essere tenuti a sentire una lezione su quanto fossero cattivi certi comportamenti. Più della metà erano semplicemente troppo imbarazzati per dire la verità.

“La maggior parte delle persone vuole che il proprio medico pensi molto a loro”, afferma Angela Fagerlin, ricercatrice senior dello studio, ricercatrice di scienze della popolazione presso U of U Health e ricercatrice con la decisione sull’informatica del sistema sanitario VA Salt Lake City Centro IDEAS.

“Sono preoccupati di essere incasellati come qualcuno che non prende decisioni giuste”, aggiunge.

Gli scienziati della University of Utah Health e del Middlesex Community College hanno condotto la ricerca in collaborazione con i colleghi dell’Università del Michigan e dell’Università dell’Iowa. I risultati saranno pubblicati online su JAMA Network Open il 30 novembre 2018.

Approfondimenti sulla relazione medico-paziente provenivano da un sondaggio nazionale online di due popolazioni. Un sondaggio ha raccolto risposte da 2.011 partecipanti con una età media di 36 anni. Il secondo è stato somministrato a 2.499 partecipanti età media 61.

Ai sondaggisti sono stati presentati sette scenari comuni in cui un paziente potrebbe sentirsi incline a nascondere i comportamenti sulla salute ai propri medici e ha chiesto di selezionare tutto ciò che gli era accaduto. Ai partecipanti è stato quindi chiesto di ricordare perché hanno fatto quella scelta. Il sondaggio è stato sviluppato con il contributo di medici, psicologi, ricercatori e pazienti, e perfezionato attraverso test pilota con il pubblico in generale.In entrambi i sondaggi, le persone che si sono identificate come donne, erano più giovani, e hanno riferito di essere in cattive condizioni di salute e più propense a riferire di non aver divulgato informazioni clinicamente rilevanti al loro clinico.

“Sono sorpreso che un numero così considerevole di persone abbia scelto di nascondere informazioni relativamente benigne e che lo ammettessero”, dice il primo autore dello studio, Andrea Gurmankin Levy, Ph.D., MBe, professore associato di scienze sociali al Middlesex Community College di Middletown, nel Connecticut. “Dobbiamo anche considerare l’interessante limitazione che i partecipanti al sondaggio potrebbero aver nascosto informazioni su ciò che hanno trattenuto, il che significherebbe come il nostro studio ha sottovalutato quanto sia diffuso questo fenomeno”.

Il problema con la disonestà di un paziente è che i medici non possono offrire un consiglio medico accurato quando non hanno tutti i fatti.

“Se i pazienti nascondono informazioni su ciò che mangiano o se stanno assumendo i loro farmaci, possono avere implicazioni significative per la loro salute, specialmente in presenza di una malattia cronica”, dice Levy.

Capire il problema in modo più approfondito potrebbe indicare le vie per risolvere il problema. Levy e Fagerlin sperano di ripetere lo studio e parlare con i pazienti immediatamente dopo gli appuntamenti clinici, mentre l’esperienza è ancora fresca nelle loro menti. Le interviste personali possono aiutare ad identificare altri fattori che influenzano le interazioni clinico-paziente. Ad esempio, i pazienti sono più aperti con i medici che conoscono da anni?

La possibilità suggerisce che i pazienti potrebbero non essere i soli a dare la colpa, dice Fagerlin. “Il modo in cui i fornitori comunicano in determinate situazioni può causare l’esitazione dei pazienti”, afferma. “Questo solleva la domanda, c’è un modo per addestrare i medici ad aiutare i loro pazienti a sentirsi più a loro agio?” Dopo tutto, una conversazione salutare è una strada a doppio senso.

“Prevalenza e fattori associati alla non divulgazione dei pazienti di informazioni rilevanti per i medici” pubblicata online su JAMA Network Open il 13 novembre 2018.