Ricerca

Autofluorescenza cutanea può predire il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolarii

Una nuova ricerca pubblicata su Diabetologia (la rivista dell’Associazione europea per lo studio del diabete [EASD]) mostra che la misurazione non invasiva dell’autofluorescenza cutanea (SAF) può predire il rischio futuro di diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari (CVD) e mortalità, indipendentemente da altre misure come la misurazione dei livelli di glucosio nel sangue.

Questa tecnica rapida e non invasiva potrebbe essere potenzialmente utilizzata in contesti non medici o in luoghi pubblici come supermercati, farmacie o drogherie come prima stima del rischio di queste condizioni, afferma l’autore principale dello studio il Professor Bruce Wolffenbuttel, del Dipartimento di Endocrinologia, Università di Groningen, University Medical Center Groningen, Paesi Bassi e colleghi.
La prevalenza mondiale del diabete di tipo 2 sta aumentando rapidamente; si prevede che si avvicini a 650 milioni nel 2040. Le complicanze cardiovascolari sono i principali fattori di aumento della morbilità e della mortalità prematura nel diabete. Diversi fattori di rischio, quali l’obesità e la glicemia a digiuno, predicono lo sviluppo del diabete di tipo 2 e della CVD.
Ricerche più recenti hanno dimostrato che i pazienti con diabete di tipo 2 presentano livelli più elevati di sostanze chimiche chiamate prodotti finali di glicazione avanzata (AGE). Tali pazienti presentano anche livelli più elevati di autofluorescenza cutanea, a causa dell’accumulo di alcuni AGE che presentano fluorescenza nella pelle. In questo studio, gli autori valutano se SAF è stato in grado di predire lo sviluppo del diabete di tipo 2, CVD e mortalità nella popolazione generale.
Per questa analisi prospettica, gli autori hanno incluso 72880 partecipanti allo Studio di coorte olandese Lifelines, i quali sono stati sottoposti a indagini di base tra il 2007 e il 2013, e avevano convalidato valori di autofluorescenza della pelle al basale disponibili e non erano noti per avere diabete o CVD.
Gli individui sono stati diagnosticati con diabete di tipo 2 incidente tramite auto-segnalazione o da una glicemia a digiuno? 7.0 mmol / lo HbA1c? 48 mmol / mol (? 6,5%) al follow-up. Ai partecipanti è stata diagnosticata una CVD incidente tramite self-report. La CVD comprende infarto del miocardio, interventi coronarici, incidente cerebrovascolare, attacco ischemico transitorio, claudicatio intermittente o chirurgia vascolare. La mortalità è stata accertata utilizzando il database dei record personali municipali olandesi.
L’AGE Reader ha una sorgente luminosa che illumina il tessuto di interesse. Questa luce eccita le parti fluorescenti nel tessuto, e di conseguenza rifletterà la luce con una lunghezza d’onda diversa. Nella banda di lunghezza d’onda utilizzata per questo studio, il maggiore contributo alla fluorescenza deriva dagli AGE fluorescenti. La luce emessa è stata rilevata con l’uso di uno spettrometro o di un fotodiodo.
Dopo un follow-up mediano di 4 anni (range 0,5-10 anni), 1056 partecipanti (1,4%) avevano sviluppato diabete di tipo 2, 1258 individui (1,7%) sono stati diagnosticati con CVD, mentre 928 (1,3%) erano deceduti. L’autofluorescenza della pelle al basale era più alta nei partecipanti con diabete di tipo 2 e / o CVD e in quelli che erano deceduti rispetto a individui sopravvissuti e rimasti liberi da nessuna delle due malattie.
Come singola misurazione, una autofluorescenza cutanea di 1 unità più alta è stata associata ad un aumento di 3 volte del rischio di diabete di tipo 2 o CVD e un rischio di morte cinque volte maggiore. Il valore predittivo dell’autofluorescenza cutanea per questi esiti era indipendente da diversi fattori di rischio tradizionali , come obesità, sindrome metabolica, glucosio e HbA1c, e, dopo aggiustamento per questi fattori, un SAF più alto di 1 unità era associato a un 26%, 33 % e 96% di aumento del rischio di T2D, CVD e mortalità, rispettivamente. *
Gli autori dicono: “Questo è il primo studio prospettico per esaminare il SAF come predittore del diabete di tipo 2, CVD e mortalità nella popolazione generale”.
Aggiungono: “Il nostro studio supporta l’utilità clinica del SAF come primo metodo di screening per predire il diabete di tipo 2, la CVD e la mortalità. Altri indicatori di rischio, come la presenza della sindrome metabolica , richiedono misurazioni più ampie. La misurazione non invasiva dell’autofluorescenza cutanea può persino consentire l’uso in ambienti non medici o in luoghi pubblici come supermercati, farmacie o droghiere come prima stima del rischio. “

Categorie:Ricerca

Con tag:,