Mangiare

Cibo per la mente

Beautiful amazonian woman with indigenous facial paint and white traditional dress posing happily for camera in park environment, forest background.

Due popolazioni indigene offrono agli antropologi di UCSB uno sguardo su come la dieta e le abitudini alimentari occidentali influiscono sulla salute e sul benessere.

Dal punto di vista della salute del cuore, gli Tsimane sono un gruppo modello. Una popolazione indigena dell’Amazzonia boliviana, gli Tsimane dimostrano di non avere malattie cardiache. Hanno un’ipertensione minima, una bassa prevalenza dell’obesità e i loro livelli di colesterolo sono relativamente sani. E questi fattori non sembrano cambiare con l’età.

Anche minima è l’incidenza del diabete di tipo 2. Il che porta gli scienziati a considerare il ruolo della dieta nella salute cardiovascolare dello Tsimane – e come esso potrebbe essere influenzato nel tempo dal momento che la popolazione diventa più esposta alla globalizzazione e alle forze del mercato.

È qui che entrano gli antropologi dell’UC Santa Barbara Thomas Kraft e Michael Gurven. Fanno parte del progetto Tsimane Health and Life History, sostenuto dal National Institutes of Health, che ha condotto il primo studio sistematico per esaminare ciò che gli Tsimane consumano regolarmente e lo paragona a quello dei Moseten, una popolazione vicina con un linguaggio e una discendenza simili, ma le cui abitudini alimentari e di vita sono maggiormente influenzate dalle forze esterne. Le scoperte dei ricercatori appaiono nell’American Journal of Clinical Nutrition.

“Il nostro lavoro precedente ha mostrato che gli Tsimane hanno i cuori più sani mai studiati in precedenza, quindi naturalmente c’è molto interesse a capire perché e come”, ha detto Michael Gurven, professore di antropologia all’Università di Santa Barbara, co-direttore della Tsimane Health e Progetto di storia della vita e autore senior del documento. “L’ovvio primo contendente è, cosa stanno mangiando? E stanno mangiando quello che pensiamo sia la dieta migliore per la salute del cuore?

“Abbiamo condotto un’analisi dettagliata della dieta Tsimane e poi l’abbiamo confrontato con ciò che tipicamente mangiano gli americani moderni e con le diete che pretendono di essere sane”, ha proseguito. “Forse allo Tsimane capita semplicemente di seguire una di quelle senza saperlo.” Queste diete – Paleo, Okinawa e DASH, tra le altre – sono spesso promosse per via dei loro propositi benefici per la salute e, nel caso della Paleo, che i nostri corpi si sono evoluti per beneficiare di particolari tipi di cibo.

Il collegamento con Moseten è un ulteriore vantaggio dello studio. Etnolinguisticamente e geneticamente molto simili allo Tsimane, i Moseten, un gruppo isolato in Bolivia, sono molto più acculturati in molti modi rispetto allo Tsimane. “Forniscono una previsione su come potrebbe essere la salute dei Tsimane tra 20 anni”, ha detto Gurven. “Rappresentano ciò che sta accadendo a molte popolazioni indigene nel tempo, fino a che punto i cambiamenti nella loro dieta aumentano la prevalenza di malattie cardiache e diabete?”

Utilizzando la stessa strategia di misurazione utilizzata dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, la National Health and Nutrition Examination Survey, i ricercatori hanno intervistato più volte 1.299 Tsimane e 229 Moseten su tutto ciò che avevano mangiato o bevuto nelle 24 ore precedenti. Usando la pubblicazione e le loro stime nutrizionali per tutti gli articoli e una varietà di metodi per stimare la dimensione della porzione, hanno fornito una ripartizione dettagliata dell’assunzione giornaliera di cibo.

La dieta Tsimane ad alto contenuto calorico (2.433-2.738 kcal / giorno) era caratterizzata da un’elevata assunzione di carboidrati e proteine ??e da un basso consumo di grassi (64, 21 e 15% della dieta, rispettivamente). Inoltre, lo Tsimane non mangia una grande varietà di alimenti, rispetto alla media della dieta americana o di Moseten. Quasi due terzi delle loro calorie derivano da carboidrati complessi, in particolare vegetali e riso. Un altro 16% proviene da oltre 40 specie di pesci e il 6% da selvaggina. Solo l’8% della dieta proviene dai mercati.

Nonostante la bassa diversità alimentare, i ricercatori hanno trovato poche prove di carenza di micronutrienti nell’assunzione giornaliera di Tsimane. Il calcio e alcune vitamine (D, E e K) erano scarsi, ma l’assunzione di potassio, magnesio e selenio – spesso legati alla salute cardiovascolare – superava di molto i livelli statunitensi. L’assunzione di fibre alimentari era quasi il doppio dei livelli USA e Moseten.

Durante i cinque anni di studio, i ricercatori hanno visto aumentare in modo significativo l’apporto totale di energia e carboidrati di Tsimane, in particolare nei villaggi vicino alle città. Anche il loro consumo di additivi alimentari (strutto, olio, zucchero e sale) è aumentato in modo significativo. I Moseten, hanno osservato i ricercatori, hanno consumato molto più zucchero e olio da cucina rispetto al Tsimane.

La conclusione: una dieta ricca di energia, di carboidrati complessi è associata a un basso rischio di malattie cardiovascolari, almeno se accoppiata a uno stile di vita fisicamente attivo (gli adulti di Tsimane fanno in media circa 17.000 passi al giorno, rispetto ai 5.100 americani). Allontanarsi da una dieta ricca di fibre e povera di grassi, sale e zucchero trasformato rappresenta un grave rischio per la salute delle popolazioni in transizione. L’evidenza della transizione nutrizionale in Bolivia mette in parallelo le tendenze nell’aumento di grasso corporeo e indice di massa corporea tra i Tsimane, suggerendo che la bassa prevalenza di malattie cardiovascolari – come tra gli Tsimane – potrebbe non persistere.

Secondo Gurven, evitare le insidie ??di cambiare diete e stili di vita sarà fondamentale per gruppi come lo Tsimane. Molte altre popolazioni indigene in Sud America, Africa e Sud-Est asiatico si trovano in situazioni simili. E i tassi di obesità, diabete di tipo 2 e malattie cardiache sono alti tra i gruppi indigeni i cui modi di vita non sono più tradizionali, tra cui molte popolazioni aborigene indiane e australiane,  del Nord America.

E per lo Tsimane, il cambiamento non è lontano all’orizzonte. “Questo è un momento chiave”, ha dichiarato Thomas Kraft, ricercatore post-dottorato in antropologia presso l’UC Santa Barbara e autore principale del documento. “Le strade stanno migliorando nell’area, così come il trasporto fluviale con la diffusione di imbarcazioni motorizzate, quindi le persone stanno diventando molto meno isolate rispetto al passato e sta accadendo a un ritmo piuttosto rapido.”

Aneddoticamente, ha aggiunto Gurven, il team biomedico del progetto Tsimane Health and Life History sta vedendo più pazienti diabetici tra gli Tsimane rispetto a prima. Ciò è probabilmente dovuto al maggiore consumo regolare di zuccheri e grassi raffinati che si sono verificati nel corso dello studio. Come ha osservato Kraft, con la capacità dello Tsimane di acquistare grandi sacchi di zucchero e litri di olio da cucina, i ricercatori hanno calcolato un aumento del 300% del consumo di tali prodotti. “Sono fondamentalmente fritti e aggiungono molto zucchero alle bevande quando possono”, ha detto.

E consumando un sacco di calorie. “Ma sono anche fisicamente attivi, non dall’esercitazione di routine, ma dall’utilizzare i corpi per coltivare cibo dai loro campi e dalla foresta”, ha aggiunto Gurven, “che è anche una lezione importante. stai mangiando a prescindere da quello che stai facendo con il tuo corpo.Se sei fisicamente attivo, puoi probabilmente ottenere una maggiore flessibilità nella dieta.”

Le calorie contano a parte, l’alto tenore di carboidrati della dieta Tsimane non è “senza precedenti”, secondo Kraft. “Una delle altre diete che proteggono le arterie è la dieta di Okinawa dal Giappone, che raggiunge circa l’85% di carboidrati, ma una caratteristica comune che condividono è che praticamente su tutta la linea, sono carboidrati complessi – sono patate dolci nella dieta di Okinawa, qui sono i plantani e la manioca “.

La dieta Moseten ha meno calorie totali e meno carboidrati rispetto alla dieta Tsimane, ma i Moseten mangiano una gamma più ampia di alimenti, tra cui più frutta, verdura, latticini e legumi. I Moseten comprano anche più cibo, compresa la soda, il pane, la carne secca e gli oggetti lavorati. La dieta Moseten potrebbe fornire informazioni sulla dieta Tsimane del futuro, suggeriscono i ricercatori. “Stiamo ancora analizzando i loro indicatori di salute, ma ci aspettiamo che i Moseten mostrino più fattori di rischio legati al diabete e alle malattie cardiache”, ha affermato Gurven.

Oltre a scoprire che gli Tsimane consumano più calorie al giorno rispetto ai Moseten, i ricercatori notano che gli Tsimane sono anche più attivi fisicamente (con gran parte del loro duro lavoro dedicato all’agricoltura manuale, caccia, pesca e foraggiamento) . Spendono più attività energetiche, ma possono anche avere un dispendio energetico a riposo maggiore a causa di più alti tassi di infezione e attività immunitaria persistente.

Nel complesso, i risultati suggeriscono che nessun protocollo di dieta singola offre la chiave per la salute. L’immagine è molto più complicata. “Fa sicuramente luce sulla diversità delle diete che sono compatibili con una buona salute cardiovascolare”, ha detto Kraft.

Gurven ha aggiunto: “Siamo in un punto unico della storia in cui per molti di noi le nostre decisioni quotidiane riguardano più il non mangiare, dobbiamo lavorare sodo per non mangiare troppo: per gran parte della storia umana, è stato il contrario. Era così difficile ottenere quelle calorie di cui avevamo bisogno per sopravvivere. “

E in termini di desiderio dello Tsimane di incorporare zucchero e altri additivi nella loro dieta, nonostante i rischi associati alla salute, “Dire alla gente di guardare quello che stanno mangiando, non mangiare troppo di questo o quello – e la mentalità è difficile da trasmettere quando ottenere il cibo è imprevedibile e una routine quotidiana “, ha continuato Gurven. “Ottenere le calorie a basso costo con meno sforzo – chi no?”

Categorie:Mangiare

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.