Batticuore

Fumo, diabete e ipertensione aumentano il rischio di infarto nelle donne

cuore

Fumo, diabete e ipertensione aumentano il rischio di infarto più nelle donne che negli uomini, ha trovato una nuova ricerca dal George Institute for Global Health dell’Università di Oxford.

Lo studio, su 472.000 partecipanti di età compresa tra 40 e 69 anni, ha scoperto che il fumo, il diabete, l’ipertensione e un BMI> 25 mettono sia gli uomini sia le donne a maggior rischio di avere un infarto. Tuttavia, mentre i fumatori attuali maschi hanno oltre il doppio del rischio di infarto rispetto agli uomini che non hanno mai fumato, è stato riscontrato che le donne hanno un rischio tre volte più elevato di donne che non hanno mai fumato, dando loro il cosiddetto “rischio in eccesso”.

Un rischio in eccesso è stato riscontrato anche tra le donne con ipertensione e diabete di tipo I e di tipo II, ma non con un alto indice di massa corporea.

“In generale, più uomini soffrono di attacchi cardiaci rispetto alle donne, tuttavia, diversi importanti fattori di rischio lo aumentano nelle donne più che negli uomini, quindi le donne con questi fattori subiscono uno svantaggio relativo”, ha affermato Elizabeth Millett, Epidemiologa presso Il George Institute UK, che ha guidato la ricerca utilizzando i dati della banca sanitaria britannica.

L’eccesso di rischio di infarto tra le persone che fumano 20 o più sigarette al giorno rispetto alle persone dello stesso sesso che non hanno mai fumato era due volte più grande nelle donne che negli uomini. L’ipertensione arteriosa era associata a un rischio relativo più alto dell’80% nelle donne rispetto agli uomini, mentre il diabete di tipo I era associato a un rischio relativo quasi tre volte più elevato e il diabete di tipo II un rischio relativo più alto del 47% nelle donne rispetto agli uomini.

L’attacco cardiaco si verifica quando il flusso sanguigno diminuisce o si ferma a una parte del cuore, causando danni al tessuto cardiaco. I pazienti che soffrono di infarto possono presentare sintomi di dolore toracico, mancanza di respiro e dolore alle braccia, alla schiena, al collo, alla mascella o allo stomaco. Ulteriori sintomi, più comuni nelle donne, sono stanchezza insolita, vertigini, sudorazione fredda e nausea o vomito.

I ricercatori hanno anche esaminato il rischio di infarto associato all’invecchiamento. Mentre l’aumento del rischio posto da fattori come il fumo e alta pressione del sangue diminuiva in entrambi i sessi man mano che invecchiavano, l’eccesso di rischio aggiuntivo vissute dalle donne a persisteva con l’invecchiamento.

Nel Regno Unito, quasi un uomo su sette e una donna su dodici muoiono per malattia coronarica, la principale causa di infarto. Nel corso del tempo, l’invecchiamento della popolazione, unito alla crescente prevalenza di stili di vita non salutari, dovrebbe comportare un tasso di attacco cardiaco più simile a quello degli uomini, il che probabilmente imporrà un carico aggiuntivo significativo alla società e alle risorse sanitarie.

“Questi risultati sottolineano l’importanza di sensibilizzare la popolazione sul rischio di attacchi di cuore alle donne e di garantire che queste e gli uomini abbiano accesso a trattamenti basati su linee guida per il diabete e l’ ipertensione e alle risorse per aiutarli a smettere di fumare” Il dottor Millett ha detto.

Categorie:Batticuore

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.